Palermo Corini

Palermo – In 8 giorni il destino di Corini?

Diciamolo senza se e senza ma. Le prossime 3 partite saranno fondamentali per la classifica e il morale del Palermo. E forse anche per altro. Tre gare delicatissime al termine delle quali si potrà trarre un bilancio e capire se ci sarà un torneo da incubo oppure essere pienamente in ballo per la salvezza. Saranno tre scontri diretti ravvicinatissimi, tutti in otto giorni che potranno influire anche sul destino del tecnico. Perché se dovessero arrivare uno o due punti soltanto, e quindi la prospettiva dell’ultimo o penultimo posto in classifica, difficilmente la dirigenza del City Group potrebbe prendere altro tempo. Anche perché, le vacanze di natale che scattano il 26 dicembre, potrebbero servire a …

Serie B – Serve cambiare allenatore? I numeri dicono che…

Domenica pomeriggio a Benevento, dopo 4 giorni il Como al Barbera (giovedì 8 dicembre ore 20.30) e domenica 11 dicembre alle 15.00 a Ferrara contro la Spal. Tutti scontri diretti, direttissimi per la salvezza. Punti in palio che peseranno come macigni anche per una eventuale classifica avulsa dove il Palermo ha già perso colpi con Cosenza, Venezia e Cittadella.

Palermo e Corini – Al momento la classifica dice Benevento 15 punti, Palermo 15 punti, Spal 15 punti e Como 14 punti. Gare con dirette concorrenti che fanno tremare le gambe ad una squadra che dopo le due sconfitte consecutive potrà aver perso qualche certezza. Ma, guardando i numeri delle avversarie, possono essere partite alla portata dei rosanero, di un nuovo  Palermo però e non di quello visto finora, spesso in balia degli avversari.

Bufera Juventus, ecco cosa rischia il club bianconero

Il Benevento in casa ha conquistato solo 4 punti (una vittoria, 3 pareggi e 3 sconfitte.  Il Como fuori casa ha fatto solo due punti (due pareggi e 4 sconfitte).  La Spal fra le mura amiche ha conquistato 10 punti (3 vittorie, un pareggio ma anche 3 sconfitte). Per carità, la storia di questo campionato dice che spesso i rosanero hanno risollevato le situazioni di tante avversarie con l’acqua alla gola (resuscitato i morti, si dice) ma forse è arrivato il tempo di dare una svolta ad un andazzo anonimo e quasi di accettazione passiva. Anche nelle dichiarazioni e nei propositi del giorno dopo…

E meno male che ci sono gli errori del var che servono a  …

[VIDEO] Piove in tribuna centrale: il Renzo Barbera non regge la pioggia

 

LEGGI ANCHE

Una sconfitta meritata e preoccupante

Andreazzoli gradisce il Genoa, il club tentenna. Ecco cosa succede

 Palermo-Venezia, le pagelle: Pigliacelli è l’unico che si salva

Palermo-Venezia, rigore negato a Brunori: ecco cosa è successo

Caressa: “La Reggina deve andare in Serie A. VAR? Si confonde il suo utilizzo”

Criscitiello: “Il VAR non deve decidere le sorti del campionato”

SEGUICI SU FACEBOOK | INSTAGRAM | TWITTER

3 Commenti

  1. I numeri del Palermo sono impietosi ed è palese che i giocatori non credono più il tecnico. Ritengo che l’unica soluzione logica e cambiare guida tecnica e fare un’importante mercato di riparazione perchè allora si ritorna in serie C.

  2. È una squadra allo sbando abbandonata a sé stessa, così non si può che retrocedere. Quando Mirri ritroverà il suo orgoglio e tornerà a fare il presidente?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui