Prossimo ostacolo Ascoli


Il Prossimo Ostacolo: l’Ascoli, uno dei club più antichi d’Italia

Nato nel 1898, l’Ascoli è tra i club più antichi d’Italia. Il periodo più vittorioso dell’Ascoli è senz’altro annoverabile sotto la presidenza di Costantino Rozzi, che guidò la società dal 1968 al 1994. Il suo passato calcistico ci racconta , a livello nazionale, vittorie in due campionati di seconda serie e due di terza serie, oltre a un Torneo di Capodanno e a una Supercoppa di Lega Pro; in ambito internazionale la formazione marchigiana ha in bacheca una Coppa Mitropa, ed ha raggiunto una finale di Coppa Anglo-Italiana.

 Palermo, in chiusura un altro difensore: le ultime

Il glorioso club marchigiano purtroppo dopo varie vicissitudini economico-finanziarie il 17 settembre 2013 va in bancarotta e fallisce. Nel 2014 il titolo sportivo va all’asta e viene acquistato dall’imprenditore italo-canadese Francesco Bellini e iscritto alla lega pro. Nella stagione 2014/15 si piazza secondo ma usufruisce della squalifica del Teramo per corruzione e viene promosso nella serie cadetta. A luglio del 2018 il titolare della Bricofer Massimo Pulcinelli rileva la società e affida la carica di presidente a Giuliano Tosti con in panchina Vincenzo Vivarini.

Palermo, la formazione base sembra questa

Attualmente nel torneo cadetto dopo due giornate è al pari del rosa con quattro punti frutto di una vittoria (contro la Ternana per 2-1) e un pareggio ottenuto contro la SPAL (1-1) ma con entrambe le partite giocate in casa per cui sabato prossimo 27 agosto alle 20.45 allo stadio “Renzo Barbera” sarà alla sua prima trasferta di campionato.
Attualmente con i marchigiani è in atto la telenovela sull’acquisto di Saric con i bianconeri
che resistono alle offerte del Palermo (1,6 Milioni) restii a cederlo a una “concorrente diretta”(!!!!)… vedremo come andrà a finire.

Palermo, arrivata la risposta dell’Ascoli per Saric

La compagine del Presidente Pulcinelli guidata in panchina da Cristian Bucchi annovera tra le sue fila giocatori di tutto rispetto quali appunto il promettente Saric, Falzerano, Ciciretti, Buchel, e gli ex rosa Bellusci e Fabbrini, per cui sabato ci sarà da lottare per cercare di batterla.
Ma il Palermo di Corini visto fino ad ora lascia impressioni più che positive in considerazione del fatto che probabilmente si aggiungera’ qualche nuovo arrivato che alzerà senza meno il tasso tecnico della squadra.
E allora…………… Forza Palermo e buona partita a tutti

Pino Abbate

 

 

Palermo-Mateju, tutto fatto: i dettagli dell’operazione

LEGGI ANCHE

Palermo, Segre: “Finalmente, non vedo l’ora di vestire questa maglia gloriosa”

Palermo, campagna abbonamenti: record dopo la rinascita

 L’amicizia con Tonali e Lammers e la Serie A col Brescia: chi è Ales Mateju

 Palermo sulle tracce di Capradossi: le ultime

SEGUICI SU FACEBOOK | INSTAGRAM | TWITTER

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui