Tra le stradine di Ballarò il presidente della Sampdoria Ferrero ha rilasciato qualche dichiarazione in merito alla situazione del club e le sue intenzioni: “Sto trattando la cessione della Sampdoria. Spero di essere pronto per il bando. Poi starà al sindaco e alla città capire se vogliamo iniziare un percorso insieme. Per la D e la C ci vogliono i cannoni. Sono ancora più difficili della B e la A”.

” Perchè a Palermo? Io sono qui per la squadra femminile. Voi avete il colore rosa, che è il colore delle donne, rappresenta la donna del mondo: Palermo. Lei (Pamela Conti n.d.r.) ha dovuto andare via perchè funziona così. Oggi lei deve creare il calcio femminile a Palermo. Cosa dico ai tifosi? Che se vincerò il bando non li deluderò”.

“Tra un’ora andrò via, ho incontrato Miccichè che mi ha presentato Pamela Conti. Quando ci sarà il bando ci sarò, vedremo cosa vorranno i palermitani, se Ferrero o no. Io la squadra femminile la faccio a prescindere, ma ci devono dare il nome Palermo. Poi se vinco il bando sarà ancora più facile. Dobbiamo andare nelle grandi platee, questa gente la merita. Basta con le persone che vengono qui a speculare, il calcio non è politica”.

“Ho fatto 4 film a Palermo, prima una serie tv e poi in questo mercato (Ballarò n.d.r.) ho fatto una scena che mi ha fatto vincere un David di Donatello. Ho fatto Mary per Sempre. Benigno lo incontro spesso a Roma”.

LEGGI ANCHE:

LE PRIME PAROLE DI FERRERO A PALERMO

Facebook
Instagram
Twitter
SHARE