Zeman

Zdenek Zeman, ex allenatore di Pescara e Foggia, è intervenuto ai microfoni di Sky Sport 24 in occasione della presentazione della propria biografia “La bellezza che non ha prezzo“. A questo evento hanno partecipato diversi esponenti del calcio italiano e non solo, come Sinisa Mihajilovic, Favalli, Di Francesco e tanti altri. Il tecnico originario di Praga, inoltre, ha voluto commentare la situazioni attuale in casa Juventus, dopo le dimissioni del Presidente Agnelli e di tutto il cda bianconero. Di seguito le sue parole in merito alla questione riportate da sito di Gianluca Di Marzio.

Le dichiarazioni di Zeman

Sul proprio libro: “Penso sia perché la gente amava ciò che riuscivano a fare le mie squadre. Mi hanno chiesto per 10 anni di scrivere un libro, pensavo fosse meglio post mortem”.

Sulla Lazio e su Arrigo Sacchi: “In biancoceleste potevo fare di più. All’epoca non contava niente arrivare terzi o quarti. Sacchi mi piaceva la sua cultura del lavoro che ora si è un po’ smarrita”.

Sulla vicenda del club bianconero: “La Juventus finisce spesso sotto l’attenzione delle procure. La procura di Torino si è mossa per prima ma non credo solo loro svolgano queste pratiche. Le altre procure dovrebbero darsi una svegliata. La FIGC dice che le plusvalenze si possono fare e questo è sbagliato. Il calcio italiano sta male: tecnicamente e finanziariamente. Più passa il tempo, più la finanza diventerà protagonista”.

LEGGI ANCHE

[VIDEO] Ficarra e Picone uniti per la campagna di raccolta del sangue

Genoa, Strootman: “Momento difficile ma ne usciremo tutti insieme”

Benevento-Palermo, l’ex Ignoffo: “Quella di domenica sarà una sfida equilibrata”

SEGUICI SU FACEBOOK | INSTAGRAM | TWITTER

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui