titoli emessi

Il prossimo appuntamento allo stadio ‘Renzo Barbera’ sarà Palermo-Turris, programmato per sabato 19 febbraio, alle ore 14:30. Ma il pesante passivo della sconfitta di ieri sera contro il Foggia di Zeman avrà probabilmente delle conseguenze sulla presenza dei tifosi allo stadio per la partita contro i corallini. Sono molti infatti i commenti che si stanno susseguendo sui social che vanno in tale direzione. Secondo alcuni, questo potrebbe rappresentare un segnale forte per far capire alla società rosanero che serve un netto cambiamento di rotta rispetto a quanto visto finora. L’entusiasmo per la convincente vittoria sulla Juve Stabia sembra già soltanto un ricordo.

TIFOSI ASSENTI PER PALERMO-TURRIS? C’È CHI NON È D’ACCORDO

Scorrendo tra i messaggi virtuali contro la prestazione contro il Foggia, i tifosi palermitani hanno suggerito di non comprare il biglietto in vista del match contro la Turris.

C’è chi ironicamente ha ipotizzato un il record negativo di spettatori (già raggiunto contro la Juve Stabia nonostante la vittoria netta), con un solo pagante, ossia il presidente Dario Mirri. C’è chi sostiene addirittura che in tre anni non si sarebbe speso nulla, e di conseguenza pagare il biglietto equivarrebbe a regalare denaro. Qualcuno si lamenta anche della tempistica relativa all’apertura dei botteghini: biglietti in vendita troppo presto, considerando quanto poco sia passato dalla figuraccia dello ‘Zaccheria’.

Ma non tutti sono di quest’avviso. Infatti, per alcuni il segnale forte sarebbe quello del ‘Barbera’ gremito, facendo dunque sentire l’appoggio verso i giocatori, in una fase tanto altalenante a livello di risultati. Inoltre, c’è chi è convinto che manifestazioni tanto appariscenti siano inutili, in quanto la società avrebbe già in mente cos’è giusto fare per risollevarsi.

Insomma, i tifosi sono divisi ed è ancora difficile prevedere se questa iniziativa verrà effettivamente realizzata. Di sicuro, in questa stagione, il ‘Barbera’ non è stato spesso palcoscenico di una cornice straordinaria di pubblico, anche per le restrizioni sanitarie per il COVID-19. Un ulteriore abbassamento della presenza rosanero sugli spalti sarebbe sulla scia del trend che aveva già caratterizzato quest’annata del Palermo.

Nel caso in cui la diserzione dovesse essere realmente messa in atto, sarebbe curioso comprendere se essa avrebbe un qualche effetto sulle sorti del campionato. I rosanero riceverebbero una scossa, oppure si tratterebbe semplicemente dell’ennesimo incasso mancato per una società già in difficoltà?

LEGGI ANCHE

Gravina: “Chiedo a Speranza di ripartire subito con il 100% di capienza”

Coronavirus, il bollettino del 16 febbraio: oltre 6.000 nuovi casi in Sicilia

Progna: “Bari merita la Serie A. De Laurentiis? Si può ripetere il progetto Napoli”

SEGUICI SU FACEBOOK | INSTAGRAM | TWITTER

 

1 commento

  1. Dei mancati introiti alla società non m’interessa nulla poichè il Palermo non spende 1 euro per mercato , ci ha preso in giro con la cessione,e la B in 2 anni passata a 3 per la pandemia è stato un grandia fesseria.
    Riguardo la questione presenza stadio credo che ci andranno solo quei pochi che si sono abbonati perchè penso che nessuna persona paghi il biglietto per vedere uno spettacolo che sa di essere scadente.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui