rinaudo

Dopo l’ultima giornata del campionato Primavera 3, il Responsabile del Settore Giovanile del Palermo,  Leandro Rinaudo, subisce un doppio provvedimento: inibizione e ammenda. Questa la decisione del giudice sportivo in merito ai fatti accaduti nell’ultimo incontro.

Durante l’11esima giornata del campionato primavera, il Palermo di mister Di Benedetto, ha incontrato il Potenza. L’incontro è terminato con il risultato di 0-0 e dunque i rosanero hanno conquistato solamente un punto. Non sono mancate, però, le polemiche alla fine del match. La società siciliana non ha infatti gradito diversi episodi: un gol annullato per il Palermo e due rigori non assegnati dopo dei contatti in area di rigore rossoblù. Il tecnico palermitano non ha condiviso le decisioni arbitrali ed ha ricevuto infatti un’ammenda; doppia sanzione invece per il dirigente dei rosa: inibizione e ammenda. Ecco di seguito i provvedimenti adottati.

Le sanzioni a Rinaudo e Di Benedetto

DIRIGENTI ESPULSI

INIBIZIONE A SVOLGERE OGNI ATTIVITA’ IN SENO ALLA F.I.G.C., A RICOPRIRE CARICHE FEDERALI ED A RAPPRESENTARE LA SOCIETA’ NELL’AMBITO FEDERALE A TUTTO IL 17 GENNAIO 2022 E € 250 DI AMMENDA

RINAUDO LEANDRO (PALERMO)
per essersi rivolto con linguaggio scurrile nei confronti dell’assistente arbitrale nonostante i ripetuti richiami (r.a.a., panchina aggiuntiva).

ALLENATORI NON ESPULSI

AMMONIZIONE (I INFR)

DI BENEDETTO STEFANO (PALERMO)

CALCIATORI ESPULSI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui