Stadium Landings

Esiste la possibilità che alla fine, quella di ieri, possa esser stata l’ultima partita della stagione al Renzo Barbera. Sicuramemente è stato l’ultimo capitolo della regular season, ma il rischio è quello che neanche ai playoff il Palermo possa giocare nel suo stadio facendo slittare l’appuntamento al prossimo campionato. E questo scenario, potrebbe concretizzarsi qualora la squadra di mister Filippi non riuscisse ad arrivare 7° in classifica o se, qualificandosi da 9° o 8° non dovesse accedere alla fase nazionale degli spareggi promozione (che prevedono degli incroci andata e ritorno).

Barbera ai saluti…forse

Se i rosanero dovessero vincere invece contro il Francavilla e il Foggia non dovesse ottenere i 3 punti contro il Catania, il club di viale del Fante affronterebbe il primo turno in casa proprio con due risultati utili su tre per passare al turno successivo. Insomma ipotesi e griglie che vi abbiamo già ampiamente spiegato in un articolo di questa mattina. Ciò a cui molti forse non avevano pensato, legittimamente, era questa possibilità di salutare anzitempo la “casa” del Palermo.

Ultimo vero addio contro il Nola

E in fondo, ci stava pure che i tifosi non ci abbiano pensato minimamente a questo scenario, dopo un tifo appassionato vissuto però dal proprio divano di casa. Del resto, il Barbera è stato salutato veramente un anno fa contro il Nola, ultima gara giocata con il pubblico. Poi il nulla: la terza ondata Covid e tanti saluti al teatro da 35.000 posti a sedere, che in Serie C avrebbe sicuramente dato una grossa mano a Boscaglia prima e a Filippi poi.

Addio o arrivederci?

Uno score, tra le mura amiche, che recita 24 punti conquistati su 17 partite e un 7° posto virtuale. Si sarebbe potuto fare di più e oggi il vero dilemma è se questa squadra coi propri tifosi oggi avrebbe una classifica diversa. Discorso, che ovviamente riguarda non soltanto i colori rosanero ma un po’ tutto il mondo del calcio. Intanto, per non sapere nè leggere e nè scrivere, qualcuno non volendo rischiare nulla ha già salutato lo stadio, con la speranza, chissà, di rivedersi ancora tra qualche settimana.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui