Il calciomercato del Palermo, con l’arrivo di Almici dagli svincolati, può considerarsi definitivamente concluso almeno fino a gennaio prossimo.

L’estate appena trascorsa è stata sicuramente sui generis. La pandemia ha sconvolto tutti i ritmi precedentemente conosciuti e non ha permesso a tantissime società di operare come invece avrebbero voluto fare.

Il mercato rosanero è stato indubbiamente caratterizzato dall’attendismo. Attese lunghe ed estenuanti hanno caratterizzato ogni singola scelta perseguita dalla dirigenza palermitana: partendo dall’allenatore fino all’arrivo di Almici, quasi nessuna trattativa probabilmente è definibile come una trattativa-lampo.

Oltre ciò, il calciomercato del club siciliano è privo di quel colpo ad effetto che avrebbe potuto scaldare la piazza rinvigorendo una tifoseria che, fino a questo momento, non sembra soddisfatta dei risultati ottenuti sul campo. Ma si sa, nel calcio contano esclusivamente i risultati, e se nelle prossime cinque gare il Palermo dovesse ottenere altrettante vittorie, tutti sarebbero pronti a salire sul carro dei vincitori, per poi abbandonarlo nuovamente qualora le cose dovessero ancora una volta peggiorare.

A bocce ferme, però, ci sono alcune considerazioni che possono essere fatte sul calciomercato condotto dal duo Sagramola-Castagnini: la strategia seguita dal duo dirigenziale ex Brescia, infatti, è macchiato da una particolarissima caratteristica.

Prendendo in considerazione una formazione ideale del Palermo, non appena saranno tutti recuperati, e schierandola in campo col 4-3-3, viene fuori un particolarissimo dato che può far riflettere in merito alla tattica seguita dalla dirigenza rosanero.

Palermo (4-3-3): Pelagotti; Almici, Somma, Marconi, Crivello; Luperini, Palazzi, Odjer; Valente, Saraniti, Floriano.

Per ogni reparto (difesa, centrocampo e attacco), abbiamo provato a sommare le presenze in categorie superiori di ogni singolo giocatore in questa formazione. Il dato che ne è venuto fuori è parecchio caratteristico: per l’intero reparto difensivo raggiungiamo le 485 presenze tra A e B (contando le presenze di Somma in Liga e Segunda Division), a centrocampo le presenze in categorie superiori alla Serie C raggiungono quota 285, mentre in attacco non si va oltre le 23 presenze tra Serie A e B. Per i più maliziosi: Santana è stato escluso da questa formazione perché, con ogni probabilità, non può essere considerato un elemento titolare vista la sua età.

Questo dato sotto certi aspetti curioso è sicuramente indicativo del fatto che tra difesa e centrocampo la rosa è stata ben allestita con elementi di categoria superiore e che ben poco c’entrano con la Serie C, mentre in attacco si è deciso di puntare su elementi di categoria o giovani scommesse.

A questo punto sorge spontaneo l’interrogativo: tattica vincente o scelta azzardata? Fino a questo momento il campo fa pendere maggiormente l’asticella verso la seconda opzione, ma è giusto ribadire che siamo ancora ad inizio campionato, la squadra ha bisogno di tempo e nulla – nemmeno la mancanza di esperienza in categorie superiori – impedisce che dei giovani gioiellini come Lucca, Rauti o Silipo possano trovare la loro definitiva consacrazione già nel corso di questa stagione.

LEGGI ANCHE

Palermo, canone del ‘Barbera’ quasi azzerato. La nota del Comune

Catania, quattro positivi al Coronavirus nel club

Palermo, Bisceglie è già un bivio?

SEGUICI SU FACEBOOK | INSTAGRAM TWITTER

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui