Ternana

Il presidente della Ternana Stefano Bandecchi, in un intervista rilasciata al Corriere dello Sport, è pronto per questo nuovo campionato e lancia la sfida a tutte le concorrenti, a partire dall’annunciare il nuovo allenatore, Cristiano Lucarelli.

Ufficializziamo ciò che ho pensato possa funzionare. Credo in questa soluzione, può dire molto da tecnico dopo averlo fatto da calciatore. Si è tolto grandi soddisfazioni quando giocava, in panchina ha avuto per ora poche opportunità dopo aver vinto lo scudetto con gli Allievi del Parma. La Ternana è la sua vera occasione, lo è anche per noi con lui“.

La Reggina apre per Corazza, ma c’è la concorrenza di Modena e Ternana

Un’idea che nasce proprio da una sfida diretta…

Dall’aver visto alcune partite del Catania, anche contro di noi tra Campionato e Coppa Italia: ho trovato una squadra propositiva ed aggressiva, ha praticato il calcio che piace a me, con la mentalità vincente. […] Lucarelli ha voglia di far vedere calcio e Terni è la piazza giusta“.

Serie C, Lucarelli non continuerà con il Catania. Ecco la sua possibile meta

Sulla prossima serie C, ecco il commento del presidente della Ternana:

Ci toccherà ancora il girone C, dove ci saranno le supercorazzate Palermo, Bari, Catania, le retrocesse Trapani e Juve Stabia. Ci sono squadre che hanno fame e storia, si annuncia una B2. Ci faremo trovare pronti per sfidarle, ho preso Lucarelli per questo. Siamo pronti a combattere, ho scelto un uomo che sa farlo. Sulla categoria resto fortemente critico, va rivista: serve una C nazionale con 22 squadre per il salto di qualità“.

Questione spinosa che ha suscitato critiche, il paletto della rosa a 22 giocatori:

E’ una iattura, spero che Ghirelli s’illumini e tolga questa cosa oscena. C’è già stata la rinuncia alla Coppa Italia per far risparmiare soldi. Chi vuole risparmiare può farlo comunque. Questa serie C nasce rattoppata. A noi danneggia l’organico ridotto. Solo due anni fa ci chiedevano di programmare e lo abbiamo fatto con contratti pluriennali. Ora si è cambiato tutto ed è bene sapere che ci saranno 200 giocatori a spasso o fuori rosa“.

Futuro della Ternana: “Vorrei una Ternana competitiva, e che possa stare a stretto contatto nelle prime 5-6 posizioni giocandosela fino all’ultimo. Mi aspetto il carattere: è un problema dell’allenatore che deve riuscire a portare il suo spirito nello spogliatoio, come primo elemento nel rapporto con i giocatori. Succede a tutti i livelli“.

Una piazza che attende il grande salto: “Ancora oggi siamo calcisticamente in debito con la città. Cercheremo di rimediare“.

LEGGI ANCHEPalermo: settimana decisiva, per tante ragioni

Palermo, un pranzo per il sì di Boscaglia

Ancora a caccia del nuovo allenatore, il Palermo pensa di rinviare il ritiro

SEGUICI SU FACEBOOK
SEGUICI SU INSTAGRAM
SEGUICI SU TWITTER

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui