I protagonisti di tale vicenda sono tutti appartenenti allo stesso nucleo familiare. Tale misfatto, è accaduto 13 anni fa, esattamente il 16 settembre 2007. Come dichiara una parente della vittima, ad uccidere Vito Damiano, sono stati il figlio e la badante. Dopo anni di studio del caso, la Procura ha ritenuto di dover assolvere i due imputati in quanto innocenti del siffatto omicidio.

Malore, incidente od omicidio? Trovato un cadavere alla Palazzina Cinese

Le nuove ricostruzioni dell’accusa hanno fatto luce sul fatto che, Rosalia Di Pisa (una delle parenti dell’uomo), avrebbe dichiarato ciò, solo perché spinta da rancori nei confronti del nipote e della sorella. La donna infatti, sarebbe caduta in diverse contraddizioni durante le dichiarazione da lei tenute.

Il procuratore Guido Schininà però, attraverso diverse intercettazioni della donna, è riuscito a ricostruire alcune frasi che non hanno lasciato il beneficio del dubbio: “Ma nun penso, si iddu avissero truvato cosa, a quant’ave, n’avissuru vinuto a pigghiari”. 

Omicidio dell’agente Agostino e della moglie: qualcosa si muove dopo 31 anni

Ad oggi però i dati raccolti non sono sufficienti per la conclusione del caso e per rendere giustizia alla morte di un pover’uomo che in un giorno qualunque risiedeva nel proprio domicilio.

Si attendono ulteriori notizie per la soluzione del caso.

LEGGI ANCHE

Palermo, accordo Comune-Regione per riqualifica di zone circoscritte della città

Covid-19, risultati positivi al test anche figlio e marito della migrante incinta somala

Palermo, timore per un possibile focolaio Covid al Civico: test per medici e pazienti

SEGUICI SU FACEBOOK | INSTAGRAM | TWITTER

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui