Delio Rossi è stato il protagonista della conferenza stampa pre partita. Alla vigilia di Palermo-Spezia, il tecnico rosanero ha risposto ad alcune domande in sala stampa inerenti al momento del club rosanero e alla prossima sfida contro lo Spezia. Ecco quanto dichiarato dal mister romagnolo:

Sulla scorsa partita “La scorsa partita contro il Livorno mi è servita a capire meglio alcune cose. Devo dire che ho trovato disponibilità da parte di tutti, hanno dato il massimo e per alcuni momenti abbiamo anche giocato discretamente: nel secondo tratto ci siamo disuniti e abbiamo fatto degli errori di ingenuità. Alcune cose vanno bene, altre devono essere migliorate. E’ chiaro che giocare queste ultime partite in tempi ravvicinati non ci aiuta”.

Pensare in ottica playoff? “ No, in questo momento ci sono tre partite e dobbiamo cercare di fare più punti possibili. Nel calcio quello che sembra scontato, scontato non è. Dobbiamo pensare partita per partita. L’esperienza mi dice che se saranno playoff, ti devi allenare, non puoi mollare la presa: noi cerchiamo di faticare e pensare allo Spezia, poi l’altra e l’altra in quest’ottica.”.

Notizie esterne influiscono? ”Dobbiamo cercare di metterci i tappi nelle orecchie e andare avanti. Adesso il mio compito è quello di lavorare sulla tattica, dobbiamo lavorare il più possibile”.

Sul possibile Turnover e su Bellusci: ” Solitamente il turnover lo attui alla terza partita, perché è la che puoi pagare di più a livello fisico. Bellusci è un giocatore caratteriale. Cerco di vedere il lato positivo, non voleva perdere e ha preso il sopravvento la rabbia, la frustrazione. E’ chiaro che questo non potrà farlo sempre, gli ho detto che ha esagerato ma so anche che lui è il primo a sapere di aver fatto un danno non solo a se stesso ma anche alla squadra”.

E’ uno svantaggio giocare prima del Lecce? ‘Noi non siamo più gli artefici del nostro destino, non siamo noi che dobbiamo pensare a questo, gli artefici del destino sono gli altri. I ragazzi devono cercare di giocare con la testa libera, non si può fare bene pensando agli altri. Se poi saranno gli altri ad andare in A gli faremo i complimenti”.  

Notizia del deferimento? “Ripeto, dobbiamo pensare al campo, mi auguro che questi ragazzi giochino in futuro al Real Madrid, al Barcellona, in grandi club. Ma alcuni di loro hanno giocato anche in situazioni peggiori. Questo si deve mettere in contro. E’ importante per me ricordare un concetto: noi siamo pagati per quello che facciamo, non per quello che diciamo. Quello che succede fuori dal campo a noi non ci compete. Dobbiamo essere con la coscienza a posto. Chi si lascia condizionare da queste notizie non fa bene il suo lavoro”.

 

LEGGI ANCHE

dott.Guzzetta: “Il deferimento è arrivato perché non si è venduto a York Capital”

Palermo-Spezia: Barbera semideserto, ecco quanti biglietti venduti ad ora

Il deferimento, le penalizzazioni. L’avv. Di Cintio, esperto di diritto sportivo, a TifosiPalermo.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui