Palermo

Dopo 13 giornate la Serie B ha emesso un unico verdetto: come era lecito attendersi, il campionato cadetto si presenta come molto competitivo e dalla difficile prevedibilità. Tuttavia, rispetto agli auspici di inizio stagione, le cose sembrano essere molto diverse dalle attese.

Tra delusioni e sorprese, forse è già giunto il momento di fare i primi bilanci che saranno certamente utili a chi vuole farsi trovare pronto alla ripresa del campionato o a chi vuole saperne di più sulle scommesse sportive.

Le favorite alla vigilia

Cominciamo con il rammentare che alla vigilia del campionato le favorite per la vittoria finale (o, per lo meno, per una promozione diretta in Serie A) erano certamente Cagliari e Genoa.

Ebbene, i rossoblu sardi oggi arrancano in 10ma posizione a 17 punti, frutto di 4 vittorie, 5 pareggi e 3 sconfitte. Nonostante un attacco sulla carta tra i migliori della categoria, sono solamente 14 le reti segnate (come il Palermo), mentre le reti subite sono 15. La contestazione della tifoseria cagliaritana contro il Presidente Giulini è sempre più vivace, così come la delusione per la squadra guidata da Liverani.

Il Genoa se la passa sicuramente meglio. I punti dei rossoblu liguri sono infatti 23: quanto basta per ergere il Grifone al terzo posto in classifica. Sembra anche che la società si stia muovendo per correggere il tiro in vista del mercato di gennaio. Tuttavia, i soli due punti racimolati nelle ultime tre partite non fanno dormire sonni tranquilli alla tifoseria che, infatti, ha iniziato a storcere il naso.

Alle spalle di Cagliari e Genoa, il terzo favorito dai bookmaker era il Parma che, dal canto suo, sembra rispettare i pronostici di un campionato di vertice, alla ricerca della promozione diretta o, per lo meno, di una qualificazione onorevole ai play-off: i gialloblu sono infatti quarti a 22 punti, insieme alla Ternana.

Frosinone: un’accelerazione forse già decisiva

Se l’equilibrio è sovrano fino a questo momento, c’è un’eccezione che non sfuggirà agli occhi di guarda la classifica della Serie B: il Frosinone è infatti stabilmente primo con 30 punti e soli 7 gol subiti in 13 partite. Un ruolino di marcia impeccabile, recentemente in grado di annoverare un’ulteriore accelerazione, e fieno in cascina a sufficienza per guardare tutti dall’alto in basso almeno per un po’.

Difficile dire se questa buona prestazione iniziale del Frosinone possa o meno essere sufficiente per arrivare a velocità di crociera verso il risultato finale: la Serie B è un campionato molto lungo e le insidie sono sempre dietro l’angolo.

Tuttavia, la formazione dopo la sconfitta di misura a Parma è sembrata trovare una nuova solidità che l’ha resa protagonista di 5 vittorie consecutive in cui ha realizzato 9 gol e subito solo 2 marcature. Quindici punti complessivi che hanno permesso agli uomini guidati da Fabio Grosso di far intendere che, in fondo, non sarà facile scrollare dal primo posto i laziali.

Le sorprese del campionato cadetto

Sicuramente è il Sudtirol la sorpresissima. Dopo un avvio disastroso, con l’arrivo di Bisoli, la squadra trentina è in piena corsa per un posto nei play-off.

Potremmo definirla una sorpresa la Reggina di Inzaghi? La compagine amaranto ha dimostrato ampiamente di meritare il secondo posto in classifica. Il progetto prevedeva inizialmente una salvezza tranquilla e serie A fra tre anni, ma ormai è inutile nasconderlo, la Reggina ha tutte le carte in regola per centrare già da quest’anno la massima serie.

Uno sguardo alle parti basse della classifica

Se nella zona alta della classifica per il momento è difficile fare previsioni, lo stesso si può dire per quella bassa. Dal fanalino di coda Perugia in su fino alla fine della metà inferiore rappresentata dal Pisa, nessuno può dirsi realmente sicuro di non essere coinvolto nella bagarre per non retrocedere.

In fondo, però, è troppo presto per questo tipo di bilanci e, forse, val la pena aggiornare le previsioni al prossimo anno. A proposito, contrariamente alla Serie A, il campionato cadetto non subisce alcuno stop per i Mondiali in Qatar, a parte la pausa dello scorso weekend. Potremmo pertanto godere dei match della Serie B fino alle vacanze di Natale che, canonicamente, rappresenteranno anche quest’anno la pausa di calendario più gradita per rifiatare un po’ dopo gli sforzi autunnali.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui