Palermo

L’ottava giornata del campionato di Serie B avrà inizio nel friday-night con la sfida tra due nobili cadute dalla massima serie: Genoa-Cagliari. Giornata importante di campionato non soltanto per la sfida tra le due squadre rossoblù; il Venezia affronterà il roboante Bari, mentre la Ternana ospiterà i rosanero di Eugenio Corini.

Palermo che arriva al match del sabato pomeriggio con parecchi malumori: la sconfitta contro il Sudtirol non è di certo passata inosservata e, ad aggiungersi al momento psicologico non ottimale, ci ha pensato l’infermiera rosanero con la notizia dello stop di Mateju. Il comunicato rosanero descrive un affaticamento muscolare per il ceco, così come Bettella durante il ritiro inglese. Lo stop di Mateju, che comunque verrà monitorato ogni giorno fino alla prossima sfida, presenta l’occasione perfetta per Marco Sala di imporsi nella fascia mancina.

Marco Sala: da titolare a riserva

L’ex Sassuolo sembrava potesse essere il titolare su quella fascia ma, complice l’infortunio accorso ad inizio stagione e l’arrivo di Mateju, non ha collezionato molte sfide dal primo minuto. Un minutaggio, forse all’inizio, inaspettato per l’esperienza del giocatore in questa categoria (98 match, classe 1999) che ha perso il posto da titolare nello scacchiere rosanero.

La sfida contro la Ternana può rappresentare lo spartiacque per la stagione del giocatore che ha, dunque, la possibilità di dimostrare al nuovo tecnico Corini le sue qualità nel ruolo di terzino sinistro. Rispetto a Mateju può vantare il naturale piede mancino e doti più offensive con maggiori azioni su quella fascia aiutando Di Mariano nell’impostazione.

Un aspetto, quello offensivo, da non sottovalutare per il Palermo alla luce delle prime uscite in campionato. I rosanero sono il terzo peggiore attacco, sotto solo a Perugia e Benevento, del campionato di Serie B. Una scelta differente sui terzini può dare anche nuova linfa in zona gol, vista la facilità di imbucare palloni al centro dell’area di rigore avversaria, con il piede ‘preferito’.

Un Palermo a trazione offensiva a Terni con Sala pronto a dimostrare tutto il suo valore e chissà che non cambino le gerarchie del tecnico ex Brescia.

LEGGI ANCHE

 Ballardini: “Il Palermo non è competitivo, organico poco attrezzato”

 Riflettendo sui nuovi e sulla vecchia guardia

La Bobo TV ti dà del tu… Solo se sei un loro amico

SEGUICI SU FACEBOOK | INSTAGRAM | TWITTER

1 commento

  1. Se il Palermo vuole rialzarsi dai bassifondi della classifica bisogna che Corini non punti solo ai suoi pupilli ed apri la mente a nuove soluzione per migliorare il gioco e creare maggiori pericoli sottoporta, un’esempio potrebbe essere accentrare buttaro ed abbassare elia come terzino destro, inserire un’incontrista che riesca a ribaltare l’azione e far giocare gli esterni offensivi più vicino a brunori.
    Pigliacelli(Massolo),Elia(mateju,Accardi) Buttaro(Bettella) Nedelcenau(marconi,lancini) Sala(Mateju,Devetak),Broh(gomes),Stulac(saric,damiani),Segre(saric),Di Mariano(Floriano,Brunori),Brunori(vido),Valente(floriano,elia)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui