Palermo

Eugenio Corini, allenatore del Palermo, è intervenuto ai microfoni in conferenza stampa per commentare il match contro il Sudtirol, valevole per la settima giornata di Serie B, giocato al Barbera e terminato con il risultato di 0-1. Il “Genio”, ha analizzato così la sconfitta.

Le dichiarazioni di Corini

“I fischi dei tifosi li capisco oggi, sono fischi d’amore. Sapevamo di affrontare una squadra compatta, ma noi non abbiamo fatto la partita che mi aspettavo. L’avevamo preparata diversamente. Ci siamo fatti prendere dall’ansia. Era come se la giocata ritardasse sempre e avessimo un tempo di gioco in più. Quello che avevamo provato lo abbiamo realizzato al 25%, è chiaro che oggi parliamo di un passo indietro, ma dobbiamo pensare al percorso”.

Sui cambi Corini ha poi detto: “Un punto lo potevamo portare a casa, ma non cambia il livello della prestazione. Ho cercato di creare densità centrale e di essere forti anche a rimbalzo. In una giornata certamente non positiva, tendevamo a forzare le giocate, non siamo riusciti a essere incisivi negli uno contro uno”.

L’allenatore bresciano ha poi continuato: “Ho messo Soleri per dare freschezza alla manovra, Saric non l’ho voluto rischiare perché era stanco e rientrava dalla Nazionale, non era in forma. Damiani al posto di Stulac? Non è una bocciatura, solo una scelta tattica e per il gioco complessivo espresso. Non è uscita la rabbia in noi, cosa che speravo uscisse fuori. Deve uscire a Terni, dove vogliamo ottenere un risultato positivo”.

Sull’errore di Pigliacelli Corini ha infine concluso: “Va accettato, ancora non ci ho parlato approfonditamente, ma lo farò. Gli è rimasta un po’ la palla sotto nello stop. Il pubblico l’ha aiutato molto, sono contento di questo. I fischi del pubblico alla fine sono fischi d’amore, oggi li capisco perfettamente”.

LEGGI ANCHE

SEGUICI SU FACEBOOK | INSTAGRAM | TWITTER

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui