mirri

Il presidente del Palermo Dario Mirri è intervenuto in un’intervista esclusiva ai microfoni di Social Football Summit per parlare del calcio italiano e inglese dopo l’esperienza all’Etihad Campus di Manchester.

Le dichiarazioni di Mirri

“C’è un abisso fra il calcio italiano e quello inglese, lì ci sono mille dipendenti in un club: una verticalizzazione su tutte le aree e un’attenzione al dettaglio quasi maniacale. Lì il calcio è tutto fuorché un gioco, gestito in maniera ben diversa. La differenza principale sta nel fatto che noi in Italia voglia fare tutto presto e subito. Il risultato sportivo è l’unico obiettivo della stagione e su 20 squadre, 19 falliscono e 1 sola vince. Lì, invece, dalle basi e dalle infrastrutture si costruisce un valore che resta, a prescindere se vinci o perdi”.

“A Manchester ho capito che tutti noi abbiamo una grande responsabilità nel produrre risultati dopo che abbiamo avuto queste attenzioni. Ma sono risultati non solo sportivi”.

“Se Roma e Lazio scendono in B (ride ndr) sicuramente li aspetteremo in campo per giocare all’Olimpico. La Serie A richiede tempo e delle buone basi. Noi vogliamo costruirle per bene, lo vuole anche la città, i tifosi, i giocatori, il Manchester City e il City Group: insomma lo vogliono tutti. L’obiettivo finale è quello di vincere e, per noi, significa andare in Serie A”.

LEGGI ANCHE

Palermo, Claudio Gomes domani in conferenza stampa

Crociata, da San Cipirrello a Milano. La storia del palermitano del Sudtirol

Vido: “Darò il massimo per questa maglia. Questo è un grande gruppo”

Vido: ” Vedrete un Palermo che lotta! La Nazionale per me è il massimo”

SEGUICI SU FACEBOOK | INSTAGRAM | TWITTER

1 commento

  1. Per andare in A serve mettere mano al portafoglio e comprare i migliori, tutto il resto sono scusanti da propinare ai tifosi per farli stare tranquilli.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui