calciomercato

Mercato – Prestito con diritto di riscatto e contro-riscatto: che significa?

Il mercato obbliga i tifosi a familiarizzare con termini o concetti a volte complicati anche perché capita che le formule di trasferimenti di un giocatore da un club ad un altro siano piene di sfaccettature e cavilli. Insomma non c’è più soltanto il vendere e comprare: esiste, ed è molto in auge, la formula del prestito. Cioè un club da un giocatore in prestito gratuito ad un altro club che si accolla lo stipendio.

Giovani interessantissimi ma servono anche gli esperti di categoria

 

In genere il prestito è annuale e alla scadenza o il giocatore fa rientro in sede oppure si prolunga. Ma ci sono delle varianti: il prestito con diritto di riscatto: ti presto il giocatore e a fine anno hai diritto a riscattarlo sulla base di quanto deciso al momento del prestito.
Poi c’è l’altra variabile: il diritto di riscatto e contro-riscatto.

Palermo-Cortinovis, storia di una trattativa saltata: cosa è successo

Spieghiamo: una squadra presta un giocatore ad un altro club e ne fissa la cifra relativa al diritto di riscatto, come detto sopra. Tuttavia si tiene il diritto di contro-riscatto cioè riprendersi il giocatore corrispondendo al club ospitante una cifra precedentemente stabilita. Un modo per pagare il club per aver valorizzato un giocatore che non gli appartiene. E Palermo ed Atalanta stanno utilizzando questa formula nel caso di Elia.

 

Pisa-Palermo, dove vedere il match in chiaro

Mercato Palermo, sondaggio per Kargbo. Il sogno è Di Mariano

LEGGI  ANCHE

Serie B, ogni turno almeno due big match: che spettacolo!

Palermo, ancora pochi abbonati ma meglio di mezza serie A

Palermo, per Rovetta non parte neanche Luperini: il motivo

Coppa Italia, Palermo-Reggiana: le info per gli highlights del match

SEGUICI SU FACEBOOK | INSTAGRAM | TWITTER

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui