Serie B

Palermo – Sarà più facile salvarsi in A che vincere la B

Quello che andrà a cominciare il 12 agosto con l’anticipo del venerdì sarà un torneo piuttosto appassionante e divertente ma al tempo stesso complesso e complicato. In molti l’hanno ribattezzato un’autentica A2 ma al di là delle etichette e degli appellativi sarà davvero un campionato difficile. Soprattutto per chi lotta per la vetta o ha ambizioni di promozione.

Mercato Palermo: tutti i nomi in entrata e in uscita

Sulla carta, sempre e solo sulla carta, la sensazione è che salvarsi in serie A sarà più agevole che vincere il campionato di serie B dove tante, tantissime squadre ambiscono alla promozione forti del loro blasone, del loro bacino o dell’importanza della piazza.
Se consideriamo la forza delle squadre appena retrocesse dalla massima serie (Cagliari, Genoa e Venezia), le deluse della scorsa stagione o le big che ci riproveranno con più forza (Pisa, Brescia, Benevento ma anche Parma, Perugia o Frosinone) e se pensiamo che sono salite in cadetteria piazze come Bari o Palermo che non possono disputare campionati anonimi perché hanno alle spalle grosse città e tifoserie esigenti, allora la prossima stagione di B sarà una lotta all’ultimo sangue, giornata dopo giornata e non ci sarà turno di campionato dove non ci sarà in programma uno o due big match.

Salta probabilmente la trasferta di Manchester

Insomma prepariamoci ad una stagione esaltante e divertente sperando che il Palermo sappia dire la sua…

 

Palermo, è fatta per un attaccante dell’Atalanta

LEGGI ANCHE

 Figlio d’arte e pupillo di Caserta: Elia pronto a prendersi la fascia rosanero

Niente derby il prossimo anno però… una partita ci somiglia molto

Serie B, ecco come scaricare il nostro calendario tascabile

[VIDEO] Il Palermo omaggia lo scambio di maglie Dall’Oglio-Fella

Marineo-Palermo 0-12: buona la prima per i rosa, scatenati Corona e Felici

SEGUICI SU FACEBOOK | INSTAGRAM | TWITTER

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui