Miccoli

La Cassazione rende definitiva la condanna
Estorsione e aggravante di mafia, Miccoli dovrà andare in carcere
L’ex capitano del Palermo ha una pena di tre anni e mezzo: non sono previste misure alternative alla detenzione.

Questo il titolo del Giornale di Sicilia, oggi in edicola.

L’articolo di Leopoldo Gargano ci informa sulla sentenza della Cassazione relativamente al processo che ha visto protagonista Fabrizio Miccoli: condanna per estorsione con l’aggravante della mafia. La seconda sezione della Cassazione di Palermo non concede all’ex capitano nemmeno le misure alternative alla detenzione.

Palermo e Bari, mese infuocato: gli impegni a confronto prima del faccia a faccia

L’articolo ricostruisce la vicenda (un cambio di gestione di una discoteca) che ha visto protagonista Miccoli, intercettato con Mauro Lauricella (figlio del boss della Kalsa) a cui si sarebbe rivolto per recuperare la cifra di 12 mila euro da Andrea Graffagnini, ai tempi titolare di una discoteca a Isola delle Femmine, per conto di un fisioterapista del club (Gasparini) che si era rivolto proprio all’attaccante rosanero. La Cassazione già ad ottobre si era espressa nei confronti di Lauricella, condannandolo a 7 anni per estorsione aggravata. La sentenza della Cassazione in pratica apre le porte del carcere a Fabrizio Miccoli, salvo novità dell’ultima ora.

 

 

[VIDEO] Palermo, in vendita la storica maglia 76-77 di Spensley: i dettagli

LEGGI  ANCHE

Palermo, dalla Turris alla Paganese: i tre elementi della rinascita

Palermo-Paganese, le pagelle: tutti promossi, ma il migliore è Brunori

Palermo, ricordi Broh? Che prestazioni in C! Il suo Sudtirol unico in Europa

Turris, Giannone: “Sembriamo l’Atalanta ma la B non possiamo prometterla”

Taranto, Giovinco via a gennaio? La pretendente è una rivale del Palermo

SEGUICI SU FACEBOOK | INSTAGRAM | TWITTER

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui