Palermo mirri di piazza

Palermo – Tribunale di Catania: ecco cosa ha stabilito sulla richiesta di Di Piazza il giudice

L’udienza inizialmente era stata programmata per il 21 settembre, poi è stata rinviata ad oggi per consentire alle due parti di studiare le memorie. Stiamo parlando della vicenda giudiziaria relativa alla richiesta di sequestro cautelativo di Hera Hora da parte dell’ex vice presidente del club di Viale del Fante, Tony Di Piazza, il quale ha esercitato il diritto di recesso a seguito della rottura con l’attuale patron Dario Mirri.

Serie C/C, 13a giornata: Catanzaro raggiunge i rosanero. Risultati e classifica

L’udienza si è tenuta a Catania in quanto il Tribunale etneo è competente in fatto di impresa estera, dato che la società rappresentativa di Tony Di Piazza ha sede fuori l’Italia. Come sappiamo la richiesta dell’imprenditore italo-americano è stata di 11,9 milioni di euro e nasce, a parere dei suoi legali, dalla valutazione fatta dalla società Pricewaterhouse Coopers, a cui il club rosanero si era rivolto.

Veniamo, ad ogni modo, al dunque. Cosa ha deciso il giudice del Tribunale di Catania in merito alla richiesta di sequestro cautelativo di Hera Hora da parte dell’ex vice presidente rosanero Tony Di Piazza? In base alle indiscrezioni raccolte in queste ore dalla nostra redazione, all’udienza di oggi il giudice non si è pronunciato, bensì si è riservato di emettere una sentenza successivamente. Cosa che può significare domani oppure a distanza di mesi. La querelle dunque non sembra essere destinata ad avere un epilogo in breve termine…

LEGGI  ANCHE

Primavera, Avellino-Palermo 1-2: rimonta dei rosa. Le parole di Rinaudo

Fidelis Andria-Palermo, le pagelle: Almici torna al gol. Buona la difesa

Fidelis Andria-Palermo 0-2: pragmatismo e ordine, così i rosa sono secondi

[LIVE] Fidelis Andria-Palermo 0-2: tre punti che valgono il secondo posto

Palermo, colloquio con la CN12 prima di Andria: “Avete rispettato promessa”

SEGUICI SU FACEBOOK | INSTAGRAM | TWITTER

1 commento

  1. Ma perchè non la finiscono di disturbare i veri tifosi con queste pagliacciate, invece di aiutare rompono le scatole.
    Consiglio ai giornalisti palermitani di non dare troppo risalto a queste vicende inutili. Bisogna andare allo stadio e spingere il nostro Palermo in avanti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui