colombo

A seguito del match di Coppa Italia Serie C Palermo-Monopoli, terminato poche ore fa con il risultato di 2-1 per i rosanero, Colombo ha parlato così della sconfitta dei suoi, la prima in gara ufficiale, durante la conferenza stampa.

Ecco le parole del tecnico biancoverde: “Alcune risposte positive ci sono state, altre un po’ meno; dovevo mettere in preventivo che ci sarebbero state delle difficoltà e che non sarebbe stato semplice trovare il ritmo partita, però dove siamo mancati, specie nel primo tempo è nell’anima. Siamo una squadra che per connotazione e caratteristiche ha necessità di mettere anima e cuore in campo, se manca questo dal punto di vista tecnico, siamo come tante altre squadre di questo girone, un aspetto che è mancato nel primo tempo.

Nel secondo tempo un miglioramento c’è stato. Amlili? Mi aspetto molto di più da lui, soprattutto per quanto riguarda l’atteggiamento, non parlo di giocate tecniche. Mi aspetto molto di più da un giocatore esperto come lui”.

Colombo ritorna sulla reazione avuta forse troppo tardi: “Ripeto mi aspettavo una foga diversa, anche un coraggio diverso in certi frangenti, nel secondo tempo, forse perché ormai condizionati dal fatto che il risultato fosse andato in una certa direzione, abbiamo reagito, come mi piacerebbe vedere per 90′. Sono soddisfatto a metà quando si perde non si è mai contenti, però qualche risposta positiva c’è stata. Qualcos’altro dev’esser fatto notare ai ragazzi perché arrivino le risposte da parte di chi sta giocando meno”.

E di questo Monopoli sperimentale ribatte: “Quello che mi ha convinto è che abbiamo avuto potenzialmente tante ripartenze, anche nel primo tempo, quando non si è fatto benissimo. Ecco perché parlo di cattiveria e di anima, non le abbiamo sfruttate a dovere. Se avessimo avuto la giusta cattiveria e il sangue agli occhi, avremmo potuto non dico far gol ma almeno crear palle gol…e pericoli in più all’avversario, dato che tanti sono stati i palloni recuperati a metà campo“.

Guido e Grandolfo?Guido ha fatto una buonissima prestazione, provvidenziale in alcune circostanze, ha dimostrato di non sentire la pressione. Grandolfo ha realizzato una rete che gli da morale, deve migliorare nei tempi e in giocate che in apparenza possono sembrare semplici. Ci può dare una gran mano ma come tanti deve sistemare delle situazioni”.

LEGGI ANCHE

Vincere per non perdere certezze e allontanare … cattivi pensieri

DS Avellino: “Il momento non è dei migliori, ma occorre fiducia”

Mirri-Ferrero, respinto il ricorso della Procura Figc

SEGUICI SU FACEBOOK | INSTAGRAM | TWITTER

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui