Catanzaro mercato

Il mercato del Catanzaro fino a questo momento appare uno dei più dinamici dell’intera Serie C. I calabresi, arrivati secondi in classifica nella Girone C, alle spalle soltanto della Ternana dei record, quest’anno non vogliono sbagliare nulla e stanno iniziando a piazzare fin da subito i colpi giusti per risultare protagonisti sul campo e non solo.

IL MERCATO IN USCITA DEL CATANZARO

Nel versante cessioni, il mercato del Catanzaro fino a questo momento è stato molto attivo, contando ben 9 uscite. Di queste la maggior parte sono calciatori rientrati alla base dopo il periodo di prestito. Gatti alla Reggiana, Garufo alla Reggina, Riccardi al Lecce, Di Massimo alla Triestina, Scognamillo all’Alessandria, Jefferson al Padova, Grillo al Cittadella e Pierno al Lecce. L’unico svincolato in seguito alla scadenza del contratto al momento risulta essere il terzino sinistro Sergio Contessa.

Delle operazioni che hanno permesso di sfoltire una rosa che sì aveva fatto bene, soprattutto nella seconda parte della stagione, ma che ha bisogno di essere puntellata.

IL MERCATO IN ENTRATA DEL CATANZARO

In entrata i calabresi hanno mostrato finora grande iniziativa. Ufficializzato l’arrivo del terzino sinistro Tentardini dal Teramo, è di qualche istante dopo il comunicato dell’arrivo di Nana Welbeck in Calabria, dopo l’esperienza in Sicilia, sponda Catania, durata un paio d’anni. Ma i Giallorossi molto probabilmente non hanno finito qua: numerose indiscrezioni di mercato infatti riportano dell’imminente possibile chiusura col trequartista ex Teramo Bombagi, desiderato e cercato anche dal Palermo. Bombagi, ma non solo: pare, infatti, che l’interesse sia abbastanza vivo anche per Fella, calciatore di proprietà della Salernitana in prestito lo scorso anno all’Avellino.

UN CALCIOMERCATO DA FAR PAURA AL BARI… E AL PALERMO

Uno degli errori da non ripetere da parte della società rosanero è quello di sottovalutare le avversarie. Su aperta ammissione dell’amministratore delegato dei siciliani, l’anno scorso il Palermo aveva sottovalutato Bari e Ternana.

Quest’anno, però, la storia cambia. L’esperienza della passata stagione ha insegnato che in Serie C nessuna squadra può essere sottovalutata, a partire dalla prima in classifica e terminando col fanalino di coda. Tutti meritano la medesima attenzione e concentrazione e se il Catanzaro dovesse continuare ad allestire una squadra importante come mostrato finora, persino il Bari della famiglia De Laurentiis dovrà temere i calabresi in vista della prossima stagione.

LEGGI ANCHE

Catanzaro scatenato sul mercato: dopo Tentardini arriva un’altra ufficialità

Turris, il saluto del bomber Longo: “Un onore portare la fascia di capitano”

Palermo, si allontana Gliozzi: corsa a due tra Pescara e Modena

SEGUICI SU FACEBOOK | INSTAGRAM TWITTER

1 commento

  1. il catanzaro che punta alla promozione sta solo facendo quello un club ambiziono deve compiere cioè comprare al più presto i migliori in circolazione per avere subito lo zoccolo duro pronto per il ritiro estivo e naturalmente lasciare alla concorrenza meno possibilità di scelta, invece la nostra dirigenza sta facendo l’esatto opposto prima sta acquistando le secondo scelte e poi se c’è l’opportunità giusta (naturalmente a prezzo di saldo) prende lo scarto di qualche squadra di C presentandolo come un colpaccio che fa la differenza (MIRRI Estate 2020 “SARANITI SARA’ IL NOSTRO CR7”) .
    POVERO PALERMO….
    MIRRI,SAGRAMOLA,CASTAGNINI ANDATE VIA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui