Palermo - Dario Mirri

Massimo Costa, ex presidente Coni Sicilia, si è aggiudicato i cimeli del vecchio Palermo Calcio messi all’asta dopo il fallimento. A seguito della notizia è arrivato il commento dell’attuale società, la quale ha manifestato l’intenzione di chiedere uno dei trofei acquistati per l’inserimento nel museo rosanero prossimo all’apertura.

“Il Palermo rende le sue più grandi felicitazioni a Massimo Costa per l’acquisto di alcuni cimeli rosanero messi all’asta a seguito del fallimento dell’us città di Palermo.
In attesa del futuro Museo Internazionale dello Sport voluto dal Coni, il Palermo Museum (che non appena le normative emergenziali lo consentiranno sarà aperto anche al pubblico) chiederà nei prossimi giorni all’avvocato Costa la disponibilità della Coppa Italia di Serie C, compresa nel lotto e mancante alla collezione dei cimeli già esposti al museo. Ciò in linea con l’anima che ha ispirato la nascita stessa del museo rosanero: la raccolta in concessione o donazione di memorabilia generosamente messi a disposizione da centinaia di tifosi e appassionati da tutto il mondo, condivisi con l’intero popolo rosanero per tutelare insieme la memoria collettiva della passione per il Palermo”. Lo si legge in un comunicato pubblicato sul sito ufficiale.

LEGGI ANCHE 

Palermo, aggiudicati all’asta i cimeli storici. Ecco dove saranno esposti

“Crazy for Football”, il calcio come terapia: il nuovo film di Volfango De Biasi

Ogni decisione a fine stagione, ma per Filippi c’è aria di riconferma

SEGUICI SU FACEBOOK | INSTAGRAM TWITTER

3 Commenti

  1. Ma i cimeli del vecchio Palermo non era più logico aggiudicarseli anziché chiederli in prestito, visto che hai fatto il museo del centoventi anni?? Cosa c’è esposto in questo museo???

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui