Ternana Lucarelli

La Ternana sta volando alto e non intende commettere errori. Nell’ultima giornata i rossoverdi hanno battuto la Paganese, ma la prestazione della squadra non è piaciuta a Cristiano Lucarelli, che adesso vuole che i suoi giocatori diano il massimo nel turno infrasettimanale in casa del Palermo. Il tecnico, in un’intervista alla Repubblica, ha svelato ciò che chiede alla sua compagine.

La palla dev’essere nostra, è un dogma. E nei rari momenti in cui ce l’hanno gli altri, noi si aggredisce. Faticoso ma elettrizzante. Chi è contento mentre fa una cosa, la farà meglio. Poi, è chiaro che contano i ragazzi. Come dice il maestro Mazzarri, gli schemi sono importanti ma con i giocatori bravi vengono meglio. I tifosi più vecchi mi ripetono che non si divertivano così dai tempi di Viciani, anni Settanta. Per essere chiari: se al 90’ stiamo pareggiando una partita che si era messa male, io voglio comunque vincerla nei minuti di recupero, com’è successo per esempio ad Avellino. E di uno zero a zero difensivo – sottolinea Lucarelli – non voglio neppure sentir parlare per scherzo. Con i giocatori sorrido, e quando non basta li martello. Ma ho ragazzi che dopo dieci anni ancora mi chiamano per un consiglio o per dirmi buon compleanno. Sanno che posso sbagliare ma non mentire. Allenare è molto più difficile che giocare e paghi solo tu, solo tu sei davvero precario”.

E ripensando al passato, tuttavia, ammette di avere pagato le sue idee politiche: “Io lottavo per il pane, non per il filetto. Ho segnato 240 gol ovunque e a chiunque, sono stato capocannoniere ma tutto è stato sottovalutato rispetto ai miei ideali politici, che pure porterò nella tomba. Non è giusto. Quando mostrai il Che, avevo vent’anni. Ora ne ho 45 e sono quasi nonno. Anche da allenatore. E quando giocavo, perdevo sempre i ballottaggi. Lucarelli o Bojinov alla Juve? Bojinov! Lucarelli o Toni alla Roma? Toni! Idem in Nazionale. Passavo per essere l’esaurito militante rivoluzionario che, naturalmente, non sono mai stato”.

LEGGI ANCHE

Attacco bloccato e senza idee. La dieta del… gol fa male al Palermo

Ora serve lo spirito del derby

Palermo, mancano 12 ore alla fine del mercato. Ecco la strategia rosanero

SEGUICI SU FACEBOOK | INSTAGRAM TWITTER

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui