Palermo

Il Palermo è obbligato a disputare un girone di ritorno da assoluto protagonista. Il campionato fin qui affrontato impone delle riflessioni sulla costruzione della squadra e l’organizzazione del ritiro estivo.

PARTENZA AD HANDICAP

Il fatto che il Palermo abbia avuto una partenza ad handicap sicuramente ha inciso fortemente sulla classifica che fin qui tutti possono vedere. Le brutte sconfitte contro Teramo, Avellino, Bisceglie e i pari contro Ternana, Catanzaro e Catania hanno portato i rosa ad una posizione di classifica non attesa ad inizio stagione.

Indubbiamente ogni partita ha una storia a sé, e così sicuramente il pareggio di Terni non ha lo stesso valore del pari ottenuto nel derby. In entrambi i casi però – una volta per la mancanza di rodaggio causa amichevoli e l’altra per il focolaio di Coronavirus – la squadra non era nelle possibilità di esprimere pienamente il proprio potenziale.

Togliendo dal confuto totale queste prime sei partite, il Palermo dovrebbe avere una classifica decisamente migliore, in linea con gli obiettivi stagionali. Ciò che però ne viene fuori lascia alquanto sorpresi.

RISULTATI ALTALENANTI

Guardando infatti i risultati dei siciliani soltanto nelle ultime dieci partite (a partire dalla vittoria contro la Juve Stabia) la classifica è indubbiamente migliore, ma continua a non sorridere pienamente ai siciliani. Ma andiamo con ordine.

Al primo posto si trova ancora una volta la Ternana con 28 punti, inseguita incredibilmente dal Foggia a 21 punti. Il Bari occupa la terza piazza della classifica a 20 punti, riuscendo a mettersi davanti Catanzaro e Catania entrambi a 19 punti.

Immediatamente dietro i cugini etnei, al sesto posto, si trova il Palermo con 18 punti. Chiudono le prime dieci posizioni Juve Stabia, Turris, Virtus Francavilla e Avellino rispettivamente con 15, 14, 14 e 13 punti.

Il sesto posto non può e non deve essere l’obiettivo di una squadra che mira al ritorno in Serie A entro il 2022, com’è scritto a chiare lettere nel progetto presentato da Hera Hora. Malgrado quindi ci sia stato un miglioramento rispetto alle primissime giornate di campionato, i risultati raccolti da novembre in poi non possono soddisfare del tutto i rosa.

GIRONE DI RITORNO IN DISCESA?

Sorge a questo punto spontaneo un dubbio: siamo sicuri che il Palermo sarà in grado di affrontare un girone di ritorno nettamente superiore rispetto a quello di andata? Guardando la classifica delle ultime dieci giornate, la risposta sembra venir fuori da sola. Ci sono a questo punto almeno due però.

In primis, diamo per buone le parole di Roberto Boscaglia: non è lo stesso dicembre per tutti. È innegabile che questa squadra, a differenza di chi le sta sopra in classifica, ha avuto problemi unici che le hanno impedito di lavorare con costanza e con qualità. Questo ha impedito a molti giocatori di entrare in una condizione fisica tale da poter incidere più di quanto fatto finora.

In secondo luogo, la squadra ha in rosa dei giocatori che ancora non hanno avuto modo di poter esprimere tutto il loro potenziale. Pensiamo, ad esempio, a giovani di prospettiva come Doda, Peretti, Silipo e Lucca. Giocatori così giovani, in un contesto del genere, hanno indubbiamente stentato a trovare spazio con quella continuità che serve a loro per crescere.

Se il Palermo non dovesse trovare una migliore continuità di prestazione e risultati nel 2021, al netto di tutti i problemi ormai lasciati alle spalle, potrebbero sorgere non pochi problemi sportivi legati alla classifica e alle aspettative deluse per questa stagione. I rosanero dal prossimo 9 gennaio contro la Cavese, fino alla fine della stagione, dovranno dimostrare se meritano la mediocrità di un decimo posto o i piani alti della classifica.

LEGGI ANCHE

C’è un “problema” che complica il calciomercato del Palermo

Palermo, da Di Michele a Vazquez: tutte le glorie del calciomercato invernale

Il curioso caso di Pettinari: da bomber a riserva. Ora un futuro da chiarire

SEGUICI SU FACEBOOK | INSTAGRAM | TWITTER

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui