A seguito del focolaio scoppiato nelle strutture della “Missione e Speranza Biagio Conte” di Palermo, è stata disposta zona rossa e quindi non accessibile, per tutte le strutture adibite a tale operazione; sono state chiuse: la struttura di via Decollati, via Giuseppe Garibaldi, e un appezzamento di terra in via Cottolengo dove vengono coltivati degli ortaggi.

Il numero di positivi sale a 37, motivo per cui Musumeci ha voluto circoscrivere la zona per non permettere ulteriori contagi.

Il Governatore, essendosi confrontato con l’assessore della Salute Ruggero Razza e il direttore dell’Asp, hanno compreso la forte minacciosità del virus che circola all’interno di queste strutture e di conseguenza di rendere off limits i locali.

La maggior parte dei positivi inoltre, non è stata d’accordo al trasferimento al Covid Hotel San Paolo facendo resistenza a tale richiesta. Il centro quindi, è ormai accessibile solo agli operatori sociali che monitorano la situazione e controllano il rispetto delle norme e inoltre, sono poste all’esterno delle strutture le forze dell’ordine.

Nelle prossime ore, i restanti presenti delle strutture sopra indicati, verranno sottoposti a tampone per rendere chiaro l’esatto numero degli infetti.

LEGGI ANCHE

Palermo, accordo raggiunto con Kanoute: ecco le cifre dell’affare

Trapani: dipendenti in sciopero, salta l’allenamento quotidiano

SEGUICI SU FACEBOOK | INSTAGRAM TWITTER

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui