Coronavirus, il mistero di Ferrera paese senza contagi. “Venite a studiarci”.
Mille abitanti in provincia di Pavia, nessuno positivo. Per il sindaco un’occasione: “Analizzate il sangue dei residenti”. Ma dalla Regione è arrivato il no

L’articolo di Paolo Griseri sull’edizione online di Repubblica ci racconta lo strano caso del paese di Ferrera Erbognone, piccolo centro di 1099 anime dove nessuno ha contratto il virus, nonostante la vicinanza con Pavia, una delle città più colpite d’Italia.
Ed il record sembra ancora più strano se si pensa che la maggiore attività della zona è una raffineria di petrolio che oltre a inquinare porta moltissimi lavoratori dalle zone limitrofe ed un cospicuo numero di persoanle russo con interesse economici sul sito.
Le parole del sindaco, che è un medico, tradiscono, oltre allo stupore del fenomeno anche un pizzico di rabbia per una proposta fatta alla regione Lombardia a cui è stato risposto di no:
“Primo la casualità. Secondo l’ottimo comportamento dei miei concittadini”. Che “fin dal primo giorno hanno rispettato le regole e le disposizioni del distanziamento sociale… Se devo dire colpisce che siamo rimasti immuni nonostante il viavai di persone legate al lavoro della raffineria… Ho pensato che l’enclave di Ferrera potesse essere un caso di scuola. Quale migliore occasione per studiare la malattia che analizzare il sangue dei 1.099 fortunati abitanti del borgo? …Non mi faccia parlare, mi viene la bile”.
.
SEGUICI SU FACEBOOK

SEGUICI SU INSTAGRAM

SEGUICI SU TWITTER

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui