Sagramola smentisce l’interesse per il club di viale del Fante. In società si valuta la soluzione “interna”

Questo il titolo di Repubblica, oggi in edicola

Nel suo articolo Valerio Tripi sintetizza l’attuale momento delle trattative in casa rosanero soffermandosi sulle parole dell’amministratore delegato Emanuele Facile che oggi dovrebbe fare un annuncio importante rispetto al futuro del Palermo.
Il giornale sottolinea che lo stesso Facile nel momento in cui stava per chiudere la trattativa con Follieri annunciava di avere offerte migliori. Ma fino ad oggi nessuna di queste sembra accontentare i “capricci del venditore”.
Si ribadisce anche la possibilità di una soluzione interna e quindi l’eventualità di non cedere le azioni.
Tripi scrive che al momento alcuni dei protagonisti sembra si siano defilati e riprende le parole di Rinaldo Sagramola che ha smentito qualsiasi suo attivo coinvolgimento.
Ed a proposito di Sagramola va sottovalutata la sua dichiarazione sul il rischio che un eventuale fallimento potrebbe creare agli amministratori e cioè la bancarotta fraudolenta “…Una plusvalenza sul prezzo d’acquisto di 10 euro può essere legittima, ma se non chiudi l’affare e poi vai incontro al fallimento credo che gli amministratori attuali potrebbero risponderne anche penalmente.”
In chiusura Repubblica si sofferma sulle cordate americane York Capital Management e Carisma s.p.a. che scrive il giornale “…non sarebbero pronte ad acquistare il Palermo a scatola chiusa e pagare subito gli stipendi entro lunedì senza avere la certezza al centesimo dei conti rosanero. Tempi troppo lunghi per un club la cui proprietà è sempre di una società inattiva, la Palermo Football Club Spa, e che si trova come un equilibrista su un filo sospeso su un baratro senza rete di sicurezza.”
.

Facebook
Instagram
Twitter
SHARE