Oggi è San Valentino, la festa degli innamorati.
Facciamo finta che non è una ricorrenza solo commerciale, una di quelle giornate cioè che servono solo ad uscire con la fidanzata/moglie (o fidanzato/marito) per andare a pranzo o cena fuori; per regalare i famosi cioccolatini o oggetti vari.
Auguriamoci che ci sia anche dell’altro cioè un’occasione per ricordarci delle persone che ci vogliono bene ed a cui vogliamo bene.
Ed allora auguri a tutti gli innamorati e da questa testata auguri soprattutto a tutti gli innamorati del Palermo che sono tanti, nascosti, quasi imbarazzati di svelarsi dopo i bocconi amari ingoiati negli ultimi anni.
Se San Valentino è la festa degli innamorati, i tifosi rosanero sono innamorati della loro squadra, di questa maglia. Cos’è, se non amore, la sofferenza che si prova ogni qualvolta il Palermo perde? Viceversa quando i rosanero vincono le giornate sembrano più leggere, si affrontano con il sorriso e la settimana comincia con spirito allegro e positivo.
C’è gente che piange quando il Palermo perde; c’è gente disperata in queste ore in cui la società vacilla e traballa fortemente. E questo è amore sì, perché il tifo è fede, è passione ma è soprattutto amore, amore per i propri colori.
Auguri dunque a tutti i tifosi rosanero e auguri ai giovani ed anche ai diversamente giovani della nostra redazione, tutti animati da passione per i colori rosanero.
E per qualcuno non è solo passione o amore, è quasi una malattia, una bella malattia.
Un abbraccio, Carlo Cangemi
.

Facebook
Instagram
Twitter
SHARE