Catania-Canicattì

Francesco Lodi, ex centrocampista e capitano del Catania, ha rilasciato alcune dichiarazioni per parlare del suo passato in rossazzurro e del fallimento del club etneo. L’attuale numero 10 dell’Acireale ha peraltro rivelato di aver rifiutato in ben due occasioni di giocare con il Palermo per rispetto del suo passato catanese. Più nello specifico si fa riferimento alla stagione 2013/2014. In ogni caso i rosanero hanno saputo fare a meno di Lodi, riuscendo a centrare l’obiettivo promozione in Serie A con cinque giornate di anticipo e stabilendo un record di punti ancora imbattuto in Serie B. L’ex rossazzurro ha poi ammesso di essere sorpreso per non vedere nei confronti del Catania l’interesse di sceicchi o importanti fondi, che avrebbero possibilità di rilanciare il club dell’Elefantino.

LE DICHIARAZIONI DI LODI SUL CATANIA

Di seguito riportiamo le parole di Francesco Lodi, ex centrocampista e capitano del Catania, pronunciate a ItaSportPress: “È incredibile che Catania non interessi agli sceicchi o ai vari fondi esteri. La città di Catania merita qualcosa di davvero importante. Mi auguro che presto ricominci la risalita e che il club torni in A con una nuova proprietà. Ho tanti ricordi indelebili che nessuno potrà mai cancellare durante le mie tre avventure in maglia rossazzurra. Ci tengo a sottolineare che ho detto no al Palermo in due circostanze per rispetto dei tifosi rossazzurri. La prima volta fu Iachini a chiamarmi visto che il club rosanero puntava alla Serie A con Dybala ma dissi di no e poi ci fu una seconda richiesta qualche anno dopo dai dirigenti del Palermo e nuovamente dissi che preferivo evitare”.

LEGGI  ANCHE

[FOTO] Palermo, dirigenti del City Group allo stadio. Le ultime

City Football Group, gli uomini che potrebbero gestire il Palermo

Baldini: “Sold out? È un regalo. Crediamoci: possiamo vincere i play-off”

SEGUICI SU FACEBOOK | INSTAGRAM | TWITTER

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui