“È morto un fratello. Per me lui era questo. Zamparini mi ha insegnato tanto, noi due eravamo una cosa sola. Dopo la morte del figlio lui si è lasciato andare, piano piano. È stata una perdita troppo dolorosa, lui non ha retto. Ci siamo sentiti di recente, ma solo via messaggi, ci eravamo ripromessi di vederci presto”. Sono queste le parole espresse da Rino Foschi dopo la notizia della morte di Maurizio Zamparini, storica figura nella vita proprio del direttore sportivo.

Una carriera passata fianco a fianco: tra il 2002 ed il 2008, hanno condiviso il Palermo dei miracoli con la promozione dopo 30 anni in Serie A e le successive qualificazioni in Coppa Uefa, per la prima volta nella storia del Palermo calcio.

LEGGI ANCHE

 Palermo, tutto in 3 giorni: il calendario dei rosa e delle avversarie

Palermo, depositata la perizia al Tribunale che valuta la quota di Di Piazza

Calzoni fritti, iris ed un forza Palermo dal nord Europa: una storia vera

Palermo-Monterosi, le pagelle: Felici e Damiani super

De Rose: “Ringrazio Filippi, ma con il nuovo mister c’è una boccata d’aria”

SEGUICI SU FACEBOOK | INSTAGRAM | TWITTER

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui