zona gialla sicilia

Cifre in netto peggioramento danno la Sicilia ad un passo dalla zona gialla. I dati che più fanno temere verso questo passo indietro sono quelli che guardano da vicino i ricoveri ordinari e quelli delle terapie intensive. Da tempo infatti è stata sfiorata la soglia minima consentita per rimanere in bianco.

Questo dato unito ad un’incidenza ben superiore ai 50 casi ogni 100mila abitanti, secondo cui la zona gialla scatterebbe tassativamente, dà quindi poche speranze ai siciliani. Ma la vera domanda è… quali saranno le nuove regole da rispettare?

Nessun coprifuoco in vista e spostamenti liberi sia tra comuni che regioni. Ecco quindi le norme previste:

RISTORANTI

Nessun limite alla ristorazione, sia all’aperto che al chiuso. L’unica norma da rispettare è quella che riguarda i commensali. Addio alle tavolate, e limite di quattro persone al tavolo. Misura che potrebbe comportare, secondo gli esperti, anche una diminuzione di fatturato, soprattutto in un periodo di turismo.

MASCHERINE

Diventerà invece obbligo imprescindibile indossare la mascherina sia all’aperto che al chiuso. Controlli che quindi diverranno più stringenti in tal senso.

MUSEI, CINEMA, TEATRI

Rimarranno aperti in zona gialla tanto i musei, quanto i cinema e i teatri. Ma la capienza delle sale sarà ridotta al 50 %, e la distanza da rispettare tra gli spettatori, sarà di almeno un metro. All’aperto previsti massimo 1000 spettatori, al chiuso 500. Con l’obbligo insindacabile di indossare sempre la mascherina.

LEGGI ANCHE

Palermo, incidente mortale al Foro Italico, traffico in tilt

Frecce sulle fasce per il Palermo, corsa e cross da Almici e Giron

L’ex rosa Martin riparte dalla D, ecco la sua nuova squadra

SEGUICI SU FACEBOOK | INSTAGRAM | TWITTER

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui