obbligo green pass

Green pass obbligatorio in Italia dal 6 agosto, tutte le novità del decreto approvato dal governo

Dai ristoranti al tempo libero, dalle attività sportive ai trasporti; dai vaccini e tamponi alle discoteche. Ecco le nuove regole approvate dal Consiglio dei ministri

Questo il titolo dell’articolo di Monica Guerzoni e Fiorenza Sarzanini, sul Corriere della Sera, che sintetizza i passaggi più importanti delle misure adottate del governo davanti alla risalita dei contagi: lo stato di emergenza viene prorogato fino al 31 dicembre.

Il green pass deve essere mostrato da tutti i cittadini di età superiore ai 12 anni tranne che non abbiano una idonea certificazione medica. Dal 6 agosto scatta il divieto di ingresso senza la certificazione: da tale data, green pass per accedere a ristoranti al chiuso, spettacoli all’aperto, centri termali, cinema, piscine, fiere, congressi e concorsi. Previsti anche sconti sui tamponi.

Il decreto poi stabilisce diversi criteri per ottenere il green pass rispetto alla colorazione delle regioni in quel momento:
-in zona bianca è valido il green pass ottenuto dopo aver ricevuto la prima dose di vaccino e ha una validità di 9 mesi.
-in zone gialla, arancione e rossa il green pass è ottenuto dopo la prima dose e serve per tutti «i servizi e le attività consentiti e alle condizioni previste per le singole zone».

Ottiene il green pass:
– chi ha ricevuto la 1a dose di vaccino,
– ha un certificato di guarigione nei precedenti sei mesi,
– ha effettuato un test molecolare o antigenico o salivare nelle 48 ore precedenti con esito negativo.

Per ottenere e scaricare il green pass:
-dopo aver ricevuto un sms con il codice authcode inserirlo sulla pagina Internet dgc.gov.it oppure sulla app Immuni, oppure il pass compare direttamente nella app IO. Valgono anche le certificazioni rilasciate in formato cartaceo.

Nel decreto previste agevolazioni economiche per l’effettuazione dei tamponi.

Palermo, morta ragazza di 27 anni dopo un malore improvviso

Il decreto stabilisce anche i nuovi i parametri per il passaggio tra le varie fasce di rischio.

-zona bianca :«l’incidenza settimanale dei contagi deve essere inferiore a 50 casi ogni 100.000 abitanti per tre settimane consecutive. Se l’incidenza è superiore a 50 casi, il tasso di occupazione dei posti letto in area medica per pazienti affetti da Covid-19 non deve superare il 15% e quello in terapia intensiva il 10%».

-zona gialla :«l’incidenza settimanale dei contagi deve essere pari o superiore a 50 casi ogni 100.000 e inferiore a 150 casi ogni 100.000 abitanti. Se l’incidenza è superiore a 150 casi, il tasso di occupazione dei posti letto in area medica per pazienti affetti da Covid-19 non deve superare il 30 % e quello dei posti letto in terapia intensiva il 20 %».

-zona arancione :«l’incidenza settimanale dei contagi deve essere pari o superiore a 150 casi ogni 100.000 abitanti, a meno che non ci siano le condizioni dell’occupazione dei posti letto in area medica e in terapia intensiva delle altre zone».

-zona rossa : «l’incidenza settimanale dei contagi è pari o superiore a 150 casi ogni 100.000 abitanti e il tasso di occupazione dei posti letto in area medica per pazienti affetti da Covid-19 è superiore al 40 % e quello in terapia intensiva è superiore al 30%».

Palermo, verso la fumata bianca per Fella: agente a San Gregorio Magno

 

LEGGI  ANCHE

[VIDEO] Palermo, finito l’allenamento coi dilettanti locali: 7 gol per i rosa

[FOTO] Ritiro Palermo, sugli spalti di San Gregorio arrivano Mirri e Sagramola

[FOTO] Il dono della Virtus Vesuvio al Palermo dopo l’allenamento congiunto

[VIDEO] Scopriamo chi è Fella: i 17 gol realizzati con il Monopoli

Aziz Toure e l’occasione mancata del ritiro con la prima squadra. Ecco perché…

SEGUICI SU FACEBOOK | INSTAGRAM TWITTER

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui