Comincia domani il primo atto della sfida contro l’Avellino, che durerà 180′ e che muoverà i primi “passi” domani alle 17:30. Un match difficile, in cui i rosanero partiranno da sfavoriti. Filippi è fiducioso, come dichiarato da lui stesso in conferenza stampa, nonostante le assenze di Rauti e Lucca, che chiaramente “toglieranno soluzioni”. In virtù delle assenze pesanti e di una squalifica, quella di Luperini ammonito contro la Juve Stabia, andiamo a vedere con quale formazione il tecnico di partinico sfiderà gli irpini.

Difesa

Tra i pali andrà Pelagotti. La retroguardia, rigorosamente a 3, sarà composta da Marconi e Lancini. Quest’ultimo pare infatti abbia recuperato dalla botta presa contro la Juve Stabia. Filippi in conferenza ha detto che si è allenato con il resto del gruppo e dunque non sembrano esserci dubbi sulla sua presenza dal 1′. A completare il reparto sarà Marong, dopo l’ottima prestazione sfoderata a Castellammare.

Centrocampo

In linea mediana, dovrebbero esserci a destra Accardi e certamente, a sinistra, Valente. Doda ha appena recuperato da un leggerpo infortunio e difficilmente potrà essere della gara (almeno dal 1′). Al centro opererà l’insostituibile De Rose affiancato, questa volta, da Odjer. Il senegalese prenderà il posto dello squalificato Luperini (ammonito contro la Juve Stabia). Broh potrebbe entrare dalla panchina nel corso della ripresa, come spesso capita.

Attacco

Scelte obbligate per Filippi in attacco. Almeno per quel che riguarda i due esterni, a sinistra correra Floriano e a destra Kanoutè, in grande spolvero dopo Castellammare. Al centro dell’attacco possibile la riconferma di Santana da falso nove e l’ingresso in campo di Saraniti soltanto nel secondo tempo. Silipo difficilmente potrà essere il titolare, ma potrà dare il suo apporto dalla panchina.

Formazione Palermo: Pelagotti; Marconi, Lancini, Marong; Accardi, De Rose, Odjer, Valente; Floriano, Santana, Kanoutè.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui