Riforma campionati gravina

Gabriele Gravina non è contento delle novità inserite nella Riforma dello Sport realizzata dal Governo, che entrerà in vigore a luglio del 2022. Il presidente della FIGC ritiene che essa non si adatti al mondo dello sport odierno, che sta vivendo una profonda crisi, soprattutto a causa degli stravolgimenti dettati dalla pandemia di Coronavirus in corso.

Non voglio sminuire la portata innovatrice della riforma, ma non temo di peccare se dico che è una legge inadatta a conformarsi alla realtà dei fatti, se non si fa ricorso a delle forzature che molto probabilmente porteranno sforzi e sacrifici non sostenibili a tutte le nostre componenti. Questa è la nostra preoccupazione“, ha detto in un incontro in videoconferenza. “È stata presentata come la riforma dei diritti ma io sono dell’avviso che imporre un quadro generale di norme a un sistema che non è in grado di applicarle. Abbiamo un provvedimento normativo che oggi presenta norme che il nostro sistema non è in grado di applicare. Questa riforma il miglior modo – ha concluso Gravina – per non riconoscere quei diritti“.

LEGGI ANCHE

Centro sportivo, tutto fermo… ma il Palermo non ha colpa

Covid, Sileri: “Ecco quando l’Italia sarà tutta zona gialla”

Il piano B della Lega Pro per concludere la stagione

SEGUICI SU FACEBOOK | INSTAGRAM | TWITTER

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui