Non si parla d’altro per ora in Regione Sicilia che sta tentando in tutti i modi di richiamare l’attenzione dei concittadini riguardo norme e distanze di sicurezza.

Dopo il rialzo dei contagi infatti, c’è stato un’allerta generale che ha fortemente messo in guardia il governatore Musumeci: “Confidiamo nel senso di responsabilità di tutti”.

Al momento, i dati che ci sono pervenuti, non sono preoccupanti ma ciò che bisogna davvero attenzionare è la sconsideratezza di giovani e adulti che agiscono come se nulla fosse accaduto.

Il Coronavirus spaventa di nuovo la Sicilia, Musumeci: “Possibili nuove restrizioni!”

Non è da escludere però che il rialzo dei contagi, è dovuto specificatamente alla selvaggia movida di giovani che considerano le misure contenitive un fastidio incompatibile con la voglia di divertimento. Le zone con più affollamento di gente, quali spiagge e pub estivi devono aver necessariamente un maggiore controllo da parte delle autorità.

A proposito di ciò, molta gente sta prendendo sotto gamba l’avanzamento del virus che, ricordiamolo, è ancora presente fra di noi. Se le cose non dovessero cambiare e se le persone non dovessero essere più diligenti, chi di dovere, sarà costretto a misure restrittive che pregiudicheranno la libertà di ognuno di noi.

Musumeci: ”Dipendenti Regione? L’80% di loro si gratta la pancia”

E’ giusto che ognuno di noi faccia la propria parte per il benessere comune e per far si che si possa concludere il prima possibile questa drammatica pagina datata 2020.

LEGGI ANCHE

Covid-19: positiva una donna incinta sbarcata a Lampedusa negli ultimi giorni

Palermo: fra pub e vicoletti viene rispettato il distanziamento sociale?

Il fascino della Sicilia: il turismo è in calo, ma l’isola attira più del nord

SEGUICI SU FACEBOOK | INSTAGRAM | TWITTER

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui