La battaglia contro il Covid-19 sembrava, per molti, essere praticamente conclusa; in realtà nelle ultimissime ore si registrano dati che allertano l’istituto Superiore della Sanità che da mesi ha coordinato le azioni volte al contenimento della diffusione del virus.

In Sicilia in particolare c’è stato un piccolo rialzo, raggiungendo quota 28 negli ultimi quattro giorni. I numeri più alti nella penisola si registrano al Nord, specificatamente in Veneto con 30 casi in un giorno. La Campania invece da mercoledì a venerdì ha contato 34 contagiati, motivo per cui il Sindaco De luca ha reso le sanzioni più importanti.

Ciò che nell’isola preoccupa davvero è il dato rt che misura il tasso di contagiosità dopo l’applicazione delle misure decise per contenere il virus. Dall’ultimo controllo si registrava una quota di 0.43, per arrivare ad oggi a 0.88.

I territori siciliani più colpiti sono: Messina con 4 pazienti e un operatore sanitario ortopedico, 2 positivi a Catania e uno nella provincia di Palermo. Il numero dei decessi fortunatamente rimane a 283 e non c’è stato nessun ricovero. Segnali incoraggianti che però non devono far abbassare la guardia.

In Italia, i dati più importanti si registrano nell’Emilia Romagna e a seguire in Lombardia con 53 casi; mentre sono escluse dalla diffusione le regioni della Valle d’Aosta e Basilicata.

Il commento del direttore generale Prevenzione del ministero della salute: << persistono diversi focolai sparsi in tutta la penisola, causati da persone che vengono da zone altamente a rischio. Sarà necessario quindi continuare a tenere un comportamento idoneo>>.

Qualche giorno fa, due badanti rumeni infetti hanno contagiato delle persone tornando in autobus a Roma. Per questo motivo, Roberto Speranza, ha firmato un’ordinanza  per cui chi viene dai paesi di Romania e Bulgaria sono obbligati alla quarantena, in quanto paesi altamente infetti da Covid-19 e segnalati dall’Organizzazione mondiale della Sanità.

Si attendono i prossimi dati, si spera più positivi di quelli delle ultime ore.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui