In alcuni casi si è evidenziata l’incapacità di parlare o di muoversi. I sintomi più gravi però restano la mancanza di respiro e il dolore al petto.

Questo il titolo di un articolo sull’edizione online del Corriere dello Sport

A distanza di pochi mesi dalla sua scoperta il Coronavirus continua a nascondere molti misteri che i virologi e i medici di tutto il mondo stanno provando a risolvere.
Inizia così l’articolo che riprende un nota dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) che ha aggiornato la lista dei disturbi legati all’infezione da covid-19.
Ecco un elenco, dai più leggeri ad i più gravi:
I sintomi comuni sono febbre, tosse secca e stanchezza.
Quelli meno comuni ma comunque frequenti sono: dolori , mal di gola, diarrea, congiuntivite, mal di testa, perdita dell’olfatto o del gusto, eruzioni cutanee o perdita di colore delle dita delle mani e dei piedi.
I più gravi sono: mancanza di respiro o sensazione di respiro corto, dolore o pressione al petto.

A questo elenco l’OMS ha aggiunto anche l’incapacità di parlare e di muoversi: tutte scoperte che nascono dall’evidenza scientifica quotidiana
Inoltre l’OMS ribadisce che il virus riesce a sopravvivere fino a 3 giorni su plastica, acciaio. Poche ore (meno di 4) invece sul cartone o sul rame.
.
SEGUICI SU FACEBOOK
SEGUICI SU INSTAGRAM
SEGUICI SU TWITTER

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui