Palermo Bari

Termina con un 1-0 la sfida che ha aperto la 21a giornata di Serie B tra Palermo Bari. Un match combattuto da entrambe le squadre e molto piacevole da guardare, nonostante le condizioni meteo avverse abbiano influenzato e non poco le squadre all’interno del terreno di gioco. La zampata decisiva è di Ivan Marconi, ancora una volta decisivo. Palermo che aggancia la zona play-off a 28 punti, rimane a 33 il Bari. Da segnalare delle brutte scene a fine partita, che ha visto scoppiare una rissa al centro del campo.

Ecco di seguito l’analisi della partita.

L’analisi di Palermo-Bari

Il primo tempo

Nessuno shock iniziale per il Palermo in questo importante Derby del Sud dai mille significati: la sfida contro il Bari è rimasta bloccata sullo 0-0 per i primi quarantacinque minuti. La formazione pugliese ha subito messo in mostra le sue enormi qualità, andando vicina al gol con la punta Ceter. La seconda parte della frazione ha visto la squadra di Corini tornare all’arrembaggio: diversi i calci d’angolo battuti da Valente che non hanno sortito l’effetto sperato dentro l’area. L’occasione più nitida l’ha avuta Brunori al 36′, dove Caprile si supera. Un primo tempo divertente, dove le due squadre si sono affrontate a viso aperto, avendo come principale avversario un fastidioso vento che ha modificato quasi tutte le traiettorie dei passaggi.

Il secondo tempo

Le due squadre riprendono le ostilità nella seconda frazione così come nel primo tempo: il Bari mostra la qualità che ha al centro del campo, il Palermo continua a difendersi e destreggiarsi nelle fasce per cercare un pallone che possa fare male alla difesa di CaprileCorini dà spazio anche a Broh e al nuovo acquisto Tutino, acclamato dai tifosi rosanero presenti al Barbera nonostante la tempesta. Il momento decisivo del match avviene intorno al minuto 81′: sugli sviluppi di un calcio di punizione conquistato da Di Mariano, si accende un mucchio selvaggio nell’area barese e, dopo un tentativo di rovesciata fallito di Tutino, è ancora Marconi a ribadire in gol. Secondo gol consecutivo dopo la rete decisiva al Perugia nel pareggio della scorsa settimana, terzo in stagione.

Il Palermo mantiene alta la difesa e la tensione per portare a casa tre punti, il Bari perde la testa e Cheddira per espulsione per doppio giallo. L’arbitro Massimi cala il sipario sulla partita dopo più di cinque minuti di recupero. Per il Palermo è la settima gara senza sconfitte, condite da tre vittorie e quattro pareggi. Battuta d’arresto del Bari dopo l’ottima vittoria contro il Parma.

LEGGI ANCHE

Ufficiale Juventus: penalizzazione e crollo in classifica

Palermo-Bari: il dato dei titoli emessi

Mirri: “Il CFG crede che il Palermo abbia delle enormi potenzialità”

SEGUICI SU FACEBOOK | INSTAGRAM | TWITTER

 

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui