Palermo

Eugenio Corini, allenatore del Palermo, questa mattina ha parlato ai microfoni della sala stampa per analizzare la prossima partita contro il Venezia. La sfida sarà valevole per la 14a giornata del campionato di Serie B ed andrà in scena allo stadio Renzo Barbera domenica alle ore 18:00. Il match si prospetta essere ad alto livello dato che, ad entrambe le squadre servono più punti possibili per risalire la classifica. Infatti, in questo momento, i lagunari si trovano al penultimo posto in classifica con 9 punti, mentre i rosanero sono posizionati in 13esima posizione con 15 punti.

Le dichiarazioni di Corini

“A differenza della prima sosta di campionato, adesso abbiamo lavorato di più. Ci conosciamo meglio, molti sono cresciuti. Abbiamo vissuto con la delusione di Cosenza, ma vogliamo trasformarla in energia contro il Venezia, ed è importante in ottica classifica”.

“Nel primo tempo del match tra Venezia e Reggina, meritava il raddoppio la squadra di Vanoli. Si tratta di una squadra tecnica e fisica con delle qualità che deve ancora dimostrare. Noi sappiamo cosa voglia dire e abbiamo lavorato in base alla loro gestione tecnica. Non abbiamo altre indicazioni tecniche, neanche interviste tranne Fiordilino, quindi sicuramente la stanno preparando con grande attenzione”.

“Le prossime partite sono importantissime, come col Benevento, Spal e Como. Al momento ci siamo concentrati sul Venezia, poi prepareremo le altre. Stulac? Sta bene, ha avuto un problema prima del Cosenza alla caviglia che non è riuscito a recuperare in tempo. Ma anche Gomes, sta facendo bene e c’è grande competizione in quel ruolo e per me è un valoro aggiunto. Importante anche in previsione degli impegni futuri”.

LEGGI ANCHE

Bookmakers, Palermo-Venezia: rosa leggermente favoriti

Serie B, il programma della 14a giornata: si inizia alle 15:00

Cosenza, Viali: “Cittadella? Diversa da Palermo. Siamo affamati”

SEGUICI SU FACEBOOK | INSTAGRAM | TWITTER

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui