palermo triestina

Palermo, derby senza tifo al seguito. Ma dove sarà il Catania?

L’ONMS cioè l’osservatorio nazionale sulle manifestazioni sportive vieta la trasferta a tifosi rosanero. Per la verità ancora non è ufficiale ma, recita il comunicato, sospende il giudizio e suggerisce alle due società di non mettere in vendita i biglietti per chi risiede nella provincia di Palermo. Tradotto significa che il settore ospiti sarà chiuso ed i tanti tifosi rosanero che abitano a Catania per lavoro  o  nelle province di Siracusa o Enna, potranno acquistare il biglietto e vedere la partita in altro settore del Cibali… in mezzo ai tifosi del Catania. Bella azione di prevenzione, davvero complimenti per l’acume. E poi, sospende il giudizio e non da l’ufficialità del divieto per indorare la pillola, per fartela digerire a poco a poco. Non possiamo dire però che non ce lo aspettavamo, anzi era proprio molto probabile.

Catania-Palermo, sospesa vendita dei biglietti per residenti nel palermitano

Ma oggi vogliamo parlare d’altro e dando per scontato che il Palermo giocherà il derby senza i suoi tifosi, chiederci che Catania troveranno i rosanero domenica 12 dicembre. La sentenza del Tribunale della Figc che ha inflitto 2 punti di penalizzazione agli etnei, porta la squadra di Baldini a 20 punti cioè a sole 4 lunghezze di distacco dalla zona retrocessione. Ma forse non tutti sano che … la penalizzazione è stata inflitta per il mancato pagamento del mese di giugno dello scorso campionato. Solo giugno . Ma di mensilità non pagate ce ne sono tante altre e dunque appare molto prevedibile che i punti da togliere alla classifica del Catania saranno ancora tanti altri. La sentenza di ieri è come se avesse iniziato ad aprire un vortice che potrebbe risucchiare i rossoblu nei bassifondi della classifica. E questo lo sappiamo noi ma lo sanno anche società e giocatori.

Catania, sentenza del TFN: i punti di penalizzazione inflitti agli etnei

La domanda allora diventa: che Catania troveremo nel derby? Depresso e sfiduciato per gli sforzi sul campo vanificati dalle sentenze del Tribunale Federale oppure arrabbiato ed affamato di punti? Cioè bisognoso di fare più punti possibili in vista di future e probabili penalizzazioni che rischiano di farlo precipitare ancora di più in fondo alla graduatoria? Davvero una situazione surreale, come al solito gestita male dal governo del calcio che consente a troppe società la sopravvivenza quando invece, per il bene dei tifosi, sarebbe più salutare un intervento radicale, risolutivo, doloroso ma unico. Invece di questo continuo stillicidio che ferisce la passione e l’amore dei tifosi per la propria squadra e per il calcio. E le vicende tristi del Palermo (era Richardson-Facile-Tuttolomondo) o del Trapani sembrano non avere insegnato nulla. E ci limitiamo solo agli esempi siciliani.

Palermo, il ritorno della CNI al “Barbera”: l’annuncio social

LEGGI  ANCHE

E se anche il Palermo iniziasse ad utilizzare sulle maglie i suoi vecchi loghi?

Palermo, capire un aspetto per non “impazzire” dopo una sconfitta

Aquile blasonate contro gabbiani ambiziosi. Chi avrà la meglio?

Salernitana, la Figc convoca i trustee: campionato a rischio

Nasce la Nazionale Siciliana: un ex Palermo è il candidato allenatore

 

SEGUICI SU FACEBOOK | INSTAGRAM | TWITTER

1 commento

  1. Troveremo una squadra che vuole dare un’ultima soddisfazione ai propri tifosi.
    E siccome, a differenza di altri, hanno i giusti attributi lascio a voi le opportune deduzioni.
    Spero di essere smentito

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui