Serie C, con il Bisceglie a carte coperte in cerca della prima vittoria.
Il dubbio sul modulo sembra pretattica, contro un avversario alla portata, la differenza dovranno farla gli attaccanti. Senza rinunciare all’equilibrio
.

Questo il titolo del Giornale di Sicilia, oggi in edicola

Roberto Boscaglia accende un fumogeno attorno al Palermo, sperando che oggi a Bisceglie – contro un avversario finalmente inferiore sulla carta e col favore della nebbia sollevata dalle sue parole alla vigilia – la sua squadra trovi il primo gol, un po’di gioco e soprattutto punti.
Inizia così l’articolo di Carlo Brandaleone che puntualizza come probabilmente inizia oggi il campionato del Palermo che a dispetto di quanto dichiarato ieri in conferenza stampa, dovrebbe tornare al modulo tanto provato in ritiro e cioè al 4-2-3-1.
Sarebbe assurdo lavorate tutta la settimana su quel sistema di gioco ed abbandonarlo il giorno della partita. Anche perchè, la qualità dell’avversario lo potrebbe consentire, visto che la squadra di Bucaro è stata ripescata dalla D poche settimane fa, ha giocato solo tre giorni fa e pur vincendo 3-1 a Foggia, non ha impressionato sul piano del gioco.
Una conferma che il Palermo possa schierarsi col 4-2-3-1 è data dal recupero dei terzini di sinistra (Corrado favorito su Crivello?) e dalla diponibilità di Almici per la destra.
Con due soli centrocampisti, sarà fondamentale il lavoro di spinta ma anche di recupero dei due esterni d’attacco che potrebbero essere Valente e Silipo con Saraniti punta centrale. Spazio a Rauti nella parte centrale del tridente offensivo.
…se Boscaglia confermerà quanto provato sul campo in questi giorni senza dare seguito alle parole di circostanza destinate all’amico Bucaro oggi a Bisceglie potrebbe finalmente nascere il Palermo a trazione laterale, scrive Brandaleone i conclusione di articolo.

.
SEGUICI SU FACEBOOK
SEGUICI SU INSTAGRAM
SEGUICI SU TWITTER

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui