esclusione catania

Udienza da rifare per il Covid. Gli scappati verso la libertà
Richieste di rinvio a giudizio arrivate con tre giorni d’anticipo. Così i termini di custodia cautelare sarebbero in scadenza.
Cavillo procedurale – L ’avviso notificato il 5 maggio ma il periodo di blocco avrebbe fatto slittare le date.
In America e ritorno – Pericolo gabbie vuote dal 21 settembre per gli Inzerillo e altri dai cognomi pesanti.

Ci sono Tommaso u Muscuni e Franco u Truttaturi, ci sono cioè gli Inzerillo, considerati i capimafia di Uditore e Passo di Rigano, ci sono altri cognomi pesanti degli scappati negli Stati Uniti (e poi rientrati in Italia): Spatola, Gambino, Sansone, Buscemi…
Questa l’apertura dell’articolo di Riccardo Arena, sul Giornale di Sicilia, oggi in edicola.

Durante le procedure giudiziarie che riguardano le accuse contro i capi mafia delle zone Uditore e Passo di Rigano, si è andato incontro ad un errore: la richiesta di rinvio a giudizio è arrivata tre giorni prima rispetto alla normale procedura legata alle norme temporanee dettate dall’emergenza Coronavirus.
La sottile imprecisione è stata infatti scovata dall’avvocato Pietro Riggi che insieme al collega Raffaele Bonsignore assiste un nipote degli Inzerillo, Giuseppe Lo Cascio.
A seguito della svista quindi, è possibile la scarcerazione degli imputati; ci sono, inoltre, altri cognomi che scappati dagli Stati Uniti sono arrivati in Italia: Spatola, Gambino, Sansone, Buscemi.
Continuano le indagini dei pm Amelia Luise e Giovanni Antoci, coordinati dal procuratore Salvatore De Luca, riguardanti 33 possibili mafiosi che sono tornati ad essere indagati e non più imputata, in quanto i capi di imputazione sono, a seguito di ciò, diventati nulli.
Anna Follari

SEGUICI SU FACEBOOK
SEGUICI SU INSTAGRAM
SEGUICI SU TWITTER

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui