Il presidente della Uefa Ceferin dispensa ottimismo e si dice certo che il calcio post pandemia sarà identico al precedente.
E’ convinto che l’Europeo del 2021 si giocherà e che presto la gente potrà tornare negli stadi. E parla anche di una terza Coppa europe…
Ceferin è stato intervistato dal giornale britannico The Guardian:

“..anche altri grandi Paesi sono pronti a seguire l’esempio della Germania, ripartendo.
Siamo pronti, seguiremo le raccomandazioni delle autorità ma sono assolutamente sicuro che il buon vecchio calcio, con i suoi tifosi, tornerà molto presto.. Sono pronto a scommettere un milione di dollari sul fatto che gli Europei si potranno giocare nel 2021. Non penso che il virus durerà per sempre, penso che le cose cambieranno prima di quanto molti pensano. La situazione è seria ma i contagi sono in calo, siamo più prudenti, conosciamo meglio questo virus. E poi sono ottimista, non mi piace questa visione apocalittica per cui dobbiamo aspettarci una seconda, una terza o una quinta ondata. Il calcio non è cambiato dopo le Guerre mondiali, non cambierà dopo questo virus. La gente dice che il mondo non sarà lo stesso, magari ha ragione, ma allora perché non pensare che sarà migliore? Perché non pensare che saremo più svegli, o che finalmente ci renderemo conto di quanto siamo fragili davanti alla natura? Ci sono sempre delle lezioni da imparare..”

E la Uefa non pensa di ridurre i suoi appuntamenti anzi rilancia e continua a lavorare all’ipotesi di introdurre una terza competizione europea, l’Europa Conference League, una Coppa «minore», che ricorda la vecchia Mitropa Cup.
Una competizione per dare spazio a Paesi calcisticamente meno evoluti, ed a cui prenderanno parte anche le squadre eliminate nei preliminari
di Champions e nella fase a gironi di Europa League.
.
SEGUICI SU FACEBOOK
SEGUICI SU INSTAGRAM
SEGUICI SU TWITTER

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui