Palermo

Palermo – Rigenerati e in calo: le due diverse facce della gestione Baldini

C’è chi come Floriano e Luperini sta dando il meglio e altri come Silipo e Fella che non decollano.

Questo il titolo di  Repubblica, oggi in edicola scritto da Andrea Murgia.

Il 5-0 alla Turris ha mostrato la reazione del Palermo dopo la sconfitta di Foggia. Ritorno al gol per Floriano prima rete per Luperini. L’ultimo gol di Floriano risaliva al gol contro il Foggia nel match di andata facendo vedere l’ottima forma che per ora Floriano sembra avere.

Non solo il gol ma anche azioni importanti durante il match come quella nel 4-0, dove Floriano ha anche servito Damiani
con un tocco di classe per poi favorire l’intervento di Luperini che spinge il pallone in porta trovando così il suo primo centro in campionato.

Un punto fermo anche Gregorio Luperini che da mister Baldini è sempre stato tenuto in grande considerazione ed ora che si è sbloccato è dura pensare ad un Pelermo senza l’ex Trapani.

Un altro protagonista delle cinque reti è stato De Rose: sempre schierato nella formazione iniziale, tranne che a Foggia, l’ex Reggina ha giocato un ottimo match con tanto di assist nel 3-0 ed il 5-0 di Soleri è nato da un suo cross da corner corto.

Chi invece non è riuscito ancora a rilanciarsi sono Silipo e Fella. I due attaccanti nella vecchia gestione di Filippi sono stati più coinvolti. Per Silipo solo 75 minuti totali; per  Fella, una ventina di minuti in più in campo
rispetto al suo compagno che però non bastano al tecnico Baldini per coinvolgerlo sempre di più. Adesso per il tecnico Baldini servono tutti i giocatori a disposizione e vedremo se Silipo e Cella, al momento poco utilizzati, se possono diventare nel prossimo futuro due pedine importanti per il tecnico toscano.

Serie C/C, 29a giornata: solo un punto per l’Avellino a Latina. I risultati degli anticipi

Restare quinti pur senza giocare… Fegato spappolato

LEGGI ANCHE

 Fella, l’agente a TP.it: “A gennaio richieste da big di C, a Palermo poco impiego. Baldini…”

Campionato più difficile dei precedenti? I numeri dicono il contrario

Sognare non costa nulla. Ma oggi si può ancora?

La nuova vita di Adrian Mutu: dal campo all’ospedale nella sua Romania

SEGUICI SU FACEBOOK | INSTAGRAM | TWITTER

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui