I social non sono scienza infusa o verità assoluta però possono essere un termometro. Un indicatore non certo preciso o assoluto ma possono orientare. Questa premessa nasce dall’aver constatato come da ieri sera, dopo che si è sparsa la voce della volontà di Boscaglia di restare all’Entella, sui social è iniziato a serpeggiare un certo malcontento, un vacillare della fiducia e qualche perplessità. Dopo l’inferno trascorso, i tifosi non conoscono più il verbo pazientare. Sui social le prime manifestazioni di critica iniziano a prendere corpo e se non dovesse arrivare qualche primo colpo concreto (non i soliti nomi dettati da qualche procuratore per far emergere il proprio assistito), la situazione potrebbe diventare tutto tranne che idilliaca.

Boscaglia dice no: «Resto all’Entella»

Chiamalo che viene. Così si dice in Sicilia: agosto è arrivato e la sensazione che pervade sempre di più i tifosi (sui social) è quella di un “procedere a rilento”, o di essere troppo attendisti. Nelle ultime due settimane, oltre la telenovela tutta comunale della concessione del Barbera, abbiamo assistito ad un altro rebus: il toto allenatore e i nomi di mercato, buttati lì, pronti ad essere puntualmente smentiti. E’ vero, in effetti potrebbe essere ancora un po’ prestino. Anche se, il ritiro inizierà verosimilmente a metà agosto (per esclusione, ormai, visto che dal 3 agosto in poi è stata fatta ogni ipotesi di data) e la società rosanero, al momento deve: acquistare almeno 10 giocatori, scegliere un allenatore e confermare le date e le amichevoli del ritiro. Il tempo passa… e la gente comincia a mormorare.

Circa un mese fa, l’amministratore delegato del Palermo, Rinaldo Sagramola, ai microfoni di “Diretta Stadio Giovedì” dichiarava: “L’allenatore è stato scelto, esperto e con esperienza per la categoria”. Da quel giorno, da quelle dichiarazioni, nessuna conferma. Però ci sta, il campionato di B è ancora in corso e sarebbe stato scorretto fare annunci. Ma, paradossalmente, se a giugno la futura squadra rosanero sembrava iniziare a prender corpo (allenatore incluso), adesso nell’immaginario del tifoso, sembra il contrario. Alcuni ragazzi della “vecchia” SSD Palermo sono andati via, altri non sembrano far parte del progetto ed altri stanno riflettendo.

Palermo, Corazza si complica: quattro club su di lui

Tradotto in numeri, questo significa che serviranno almeno 10-12 acquisti per la Serie C. Una Serie C che ricordiamo, sarà – ahi noi – una Serie C inusuale. Bari, Catania, Ternana, Catanzaro, Potenza, Carrarese, Trapani etc. Un vero e proprio campo di battaglia.

LEGGI ANCHE

Il Palermo ha contattato Fabio Grosso: l’ex terzino ha rifiutato

Clamoroso Boscaglia: la smentita è solo una strategia? Resta il candidato principale

Palermo, per l’attacco l’obiettivo è la coppia gol del Carpi

SEGUICI SU FACEBOOK | INSTAGRAM | TWITTER

3 Commenti

  1. Forse non sapete che il mercato inizia il primo settembre, anche se mi sembra difficile non lo sappiate visto che in teoria siete un sito di giornalismo sportivo…per l’allenatore…fate finire sti cavolo di campionati e poi vediamo che succede…tutti questi continui articoli del nulla non fanno altro che danni inutili come quelli che scrive proprio questo post

  2. Egr.sig. Morana , ho riflettuto prima di farle pubblicare il commento perchè ritengo che si possono muovere anche le critiche più aspre senza dover necessariamente offendere. E questo vale non solo per lei ma come stile che vuol darsi questo giornale. Cordiali saluti.
    Il direttore

  3. Il mercato inizia a settembre ufficialmente, come data per poter depositare i contratti ma nulla vieta di fare acquisti (non a caso alcune squadre hanno dato le prime ufficialità). Se l’allenatore verrà ufficializzato in settimana magari potremmo fare altri discorsi ma se andiamo in ritiro in 10 giocatori senza allenatore saremo a dir poco indietro.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui