Pino Abbate
Sarà Luigi Nasca a dirigere il delicato incontro del Palermo, domani sera allo stadio Adriatico contro i delfini abruzzesi.

Nasca proviene dalla sezione di Bari.
Nella stagione 2006-2007 al primo anno in serie C, riceve dalla Lega di Serie C il “Premio Bruno Nardini” come miglior arbitro debuttante in serie C1.
Durante la stagione 2008-2009, al termine del terzo anno di militanza in serie C, dirige le quattro finali play-off e play-out di C1 e si aggiudica il premio Nazionale AIA “Riccardo Lattanzi”. Sempre durante questa stagione riceve altri due importanti riconoscimenti a livello internazionale essendo, nell’ottobre 2008, designato per una gara di un torneo internazionale under 19 tra Ungheria e Slovenia e, nell’agosto 2009, designato per il torneo Internazionale “Manchester United Premium Cup”.


Dalla stagione 2009-2010 fa parte del CAN di serie B, riuscendo ogni stagione ad arbitrare almeno una partita nella massima serie.
Prima del suo debutto in A, ha acquisito molta esperienza dirigendo per tre stagioni partite in serie C.
Il suo debutto in serie A è del 16 maggio 2010, e dirige Cagliari-Bologna (terminata 1-1).
Al termine della stagione 2017-2018 vanta 6 presenze in serie A.

.
Si tratta quindi di uno degli arbitri più esperti della serie B essendo ormai 41enne, ma non è mai stato giudicato meritevole di passare alla CAN di A dai suoi dirigenti e questo qualcosa vorrà anche significare.
E’ alla seconda direzione per i rosa avendo diretto il pareggio interno per 2-2 con la Cremonese del 31 agosto del 2018.
Spesso si lascia vincere dal protagonismo e questo a causa del suo piglio eccessivamente autoritario che probabilmente gli ha causato il non inserimento stabile nella categoria superiore.
Non accetta facilmente le proteste per cui, a volte, usa a sproposito i cartellini.

.

Ma tant’è, domani occorre portare punti a casa per cui è bene che i giocatori in maglia rosanero pensino solo a questo obiettivo e si adeguino alla sua direzione di gara.
Quindi speriamo in bene e Forza Palermo sempre.
Pino Abbate
.

Facebook
Instagram
Twitter
SHARE