Pino Abbate

Il Prossimo Ostacolo, il Pescara

Senza nemmeno il tempo di digerire il mezzo disastro di Cosenza, mercoledì 3 Aprile alle ore 21,00 il Palermo dovrà affrontare il primo dei tre scontri diretti che saranno molto probabilmente decisivi per la promozione in serie A senza dover passare per i playoff ; l’incontro a Pescara con i locali reduci dalla batosta di Lecce che ha consentito ai salentini di sopravanzare di un punto in classifica proprio il Palermo togliendogli la seconda posizione.
E questo delicato match i rosa dovranno affrontarlo senza la coppia di centrali titolari che si sono fatti ammonire entrambi ed essendo in diffida hanno beccato la squalifica ; come se non bastasse Nestorosvski, anch’esso ammonito ha pensato bene di scimmiottare il pessimo arbitro Volpi facendosi espellere.
Ma ecco la scheda degli abruzzesi
Fondata nel 1936 con la denominazione Società Sportiva Pescara, la squadra ha disputato sette campionati di Serie A, un campionato di Divisione Nazionale e trentasette campionati di Serie B, risultando l’unica squadra di calcio dell’Abruzzo ad aver raggiunto la massima serie del campionato italiano. Nei suoi 82 anni di storia il club ha vinto, classificandosi al primo posto, cinque campionati: due di Serie B (1986-1987, 2011-2012), uno di Serie C (1973-1974), uno di Serie D (1972-1973) e uno di Promozione (1951-1952). Il club è stato dichiarato fallito il 19 dicembre 2008; il 20 gennaio 2009 fu rilevato all’asta fallimentare da un nuovo assetto societario che fa capo all’imprenditore della pasta Giuseppe De Cecco e all’imprenditrice edile Deborah Caldora, figlia di Armando, storico presidente della squadra ai tempi della prima promozione in Serie A. La società ha mantenuto lo stemma, i risultati e i piazzamenti del Pescara Calcio nato nel 1936. Nel 2011 la presidenza fu assunta da Daniele Sebastiani, precedentemente amministratore delegato del club, che tutt’oggi ne detiene la carica. In panchina siede Bepi Pillon che sta guidando la squadra con alterni risultati infatti il Pescara è attualmente 5° con 40 punti, cinque in meno dei rosa, frutto di dodici vittorie, nove pareggi e otto sconfitte con 40 gol fatti e 38 subiti.

Quindi incontro da prendere con le molle vista la mancanza di importanti pedine sia in difesa che in attacco con la necessità almeno di non perdere se non di vincere per continuare ad alimentare i sogni di promozione diretta prima di altri due scontri terribili con il Verona in casa e poi col Benevento fuori.
A prescindere da tutto…Forza Palermo e buona partita a tutti.
Pino Abbate.

Facebook
Instagram
Twitter
SHARE