Attraverso le pagine del Sole 24ore, nella sua rubrica Calcio & Business, il noto scrittore, giornalista ed esperto di calcio e finanza, Marco Bellinazzo, pubblica oggi un articolo. Bellinazzo, più volte intervistato dalla nostra testata, sembra avere le idee chiare e si mostra finalmente ottimista.

Questi i passaggi più significativi:

L’Odissea del Palermo è giunta alle battute conclusive. Daniela De Angeli è in procinto di siglare un accordo preliminare per la cessione dell’intero pacchetto azionario a York Capital Management…Un’operazione da circa 47 milioni di euro, ovvero l’ammontare complessivo dei debiti del Palermo..I legali da ambo le parti hanno ormai raccolto tutti i documenti necessari per la stesura del contratto preliminare, a breve sono attese le firme per rendere ufficiale il passaggio di proprietà.

I primi contatti risalgono allo scorso mese di maggio…Zamparini incontrò un emissario del gruppo americano, senza che però la trattativa si approfondisse. …York Capital non ha però mollato l’idea di inserire la società siciliana nel proprio portfolio di investimenti (dal valore stimato in circa 20,5 miliardi di dollari) e ha avviato le operazioni per una due diligence proprio nei giorni in cui il Palermo ha rischiato il default sotto la gestione inglese.

Il piano di ingresso di York Capital dovrebbe essere graduale e il primo passaggio sarà appunto quello della stipula di un preliminare d’acquisto. L’investimento iniziale dovrebbe aggirarsi attorno ai 4 milioni di euro, probabilmente immessi nelle casse societarie in due tranche… Quando scatterà l’opzione d’acquisto delle quote andranno ripianati i restanti debiti, considerando inoltre i circa 18 milioni di crediti che il Palermo deve riscuotere principalmente da altre società calcistiche.

Il famigerato credito Alyssa, i 22,8 milioni residui dall’operazione di cessione del marchio, di fatto non rientra in questo conteggio, poiché il Palermo si è accollato questo debito ed è tornato (tramite la società Mepal) sotto il controllo del marchio. Tutte cifre che gli emissari di York Capital conoscono ormai a memoria da mesi….
.

Facebook
Instagram
Twitter
SHARE