In questi giorni il Foggia sta vivendo ore di grande preoccupazione a causa dei problemi finanziari che l’hanno ultimamente colpito. E il piccolo Alessandro di 8 anni, tifoso rossonero, ha provato in tutti i modi a cercare di fare qualcosa per aiutare la società, pur di riuscire a salvarla da questa situazione come ha raccontato il padre Fabio a gianlucadimarzio.com:
Ho voluto spiegare i problemi della società ad Alessandro per prepararlo a qualsiasi cosa. Quest’estate, dopo la notizia dei 15 punti di penalizzazione, l’ho sentito piangere di nascosto in bagno. Alessandro ha iniziato a tifare Foggia in modo assiduo dall’ultimo anno di Lega Pro, non a caso, oltre a Kragl, il suo preferito è proprio Mazzeo. Ricordo della promozione? Aveva gli occhi lucidi e indossava la sua sciarpa rossonera con orgoglioLui tifa il Foggia perché è di Foggia. Gioca anche a calcio, e da grande vorrebbe fare il calciatore. Ieri mi ha detto che il suo sogno è giocare nella squadra della sua città”. Il piccolo Alessandro ha anche detto che se dovesse scegliere tra giocare nella Juventus o giocare nel Foggia sceglierebbe sicuramente il Foggia perché vuole portarlo in Serie A.

Continua il papà Fabio poi: “Dopo avergli spiegato la situazione, Alessandro mi ha chiesto cosa si poteva fare per poter aiutare la squadra. Mi ha chiesto se io potevo dare dei soldi alla società, ma ovviamente gli ho detto che non ne potevo dare tanti perché servivano alla nostra famiglia. Così lui mi ha detto che avrebbe fatto il bravo e che ce l’avremmo fatta anche con pochi soldi e che poteva dare tutti i soldi che aveva nel suo salvadanaio per aiutare il Foggia. Avevo gli occhi lucidi e gli ho spiegato che, solo se, ogni foggiano avesse versato anche solo 5€ ciascuno, avremmo potuto risolvere la situazione”. Così Alessandro non se l’è fatto ripetere due volte e la sera, quando il papà è tornato da lavoro, ha trovato 5 euro sul tavolo dell’ingresso, pronti per essere consegnati alla società in modo tale da aiutarla: “Sono rimasto colpito. Se dovessi dare il via ad un’iniziativa del genere? Lo farei. Oggi Ale ha chiesto anche alla nonna di versare i 5€”. – “Sono disposto a rinunciare a tutti i miei giochi e a fare per sempre il bravo” conclude Alessandro.

LEGGI ANCHE

Foggia come Palermo: servono i soldi per gli stipendi. Appello del sindaco alla città

Puscas re di Palermo, per Nesto compleanno amaro: Palermo, adesso segna di più!

Facebook
Instagram
Twitter
SHARE