Carlo Cangemi

Parafrasando il buon Mike Bongiorno viene da chiedersi proprio questo, ma lascia o raddoppia?.

Raddoppia nel senso che se è vero (e non sono cose inventate) che resta come consulente, con Ponte, Giammarva e Miccichè dentro la “nuova società, allora sembrerebbe proprio voler raddoppiare. E le dichiarazioni di venerdi (il mio compito è finito) cosa sono? Si è giocato il jolly? Però, amici lettori, non pensate che sia tutto paradossale? Parlare e non essere creduto, mai. Da nessuno o forse da pochi. É paradossale ma anche frustrante per chi parla. Parlare e non essere ascoltato. Parlare al vento.  Perché nonostante comunicati e interviste d’addio, la gente continua a ridere e dubitare e la stampa ad anteporre tutti gli aggettivi “cautelativi”  che esistono nel vocabolario. Se, forse, può darsi, se dovesse, se fosse vero…etc.

E ore ci si mettono pure i cinesi a confondere le acque. Ma sorvoliamo e sorridiamo.

Apprendiamo invece che mancano SOLO tre passaggini semplici semplici al passaggio di consegne. Organi di controllo e vigilanza inglesi, firme e pubblicazioni.  E che ci vuole? Entro fine mese cioè entro 5 giorni sarà tutto fatto. Ancora un po’ di pazienza e tutto cambierà.

Per fortuna Stellone e la squadra non cambiano, continuano a macinare prestazioni ed imbattibilità. A dispetto  dell’incertezza societaria, la squadra da sicurezza, è credibile.

A Verona, contro una delle big del campionato, una prova autoritaria e di carattere. La prestazione e soprattutto l’atteggiamento di una squadra consapevole della sua forza e la voglia di imporsi ovunque e contro tutti.

Godiamoci la squadra che è meglio… anche per il fegato.

Buona domenica, con affetto

 

LEGGI ANCHE:IMPRENDITORI CINESI VOGLIONO IL PALERMO

LEGGI ANCHE:RISPOLI GIURA FEDELTA’ AL PALERMO

LEGGI ANCHE:LE EMOZIONI DI UNA TRASFERTA

.

Facebook
Instagram
Twitter
SHARE